10 consigli per prendere il sole senza scottarsi

ADV

Prendere il sole senza scottarsi

E’ arrivata finalmente l’estate! Voglia di sole e relax…Prendere il sole senza scottarsi permette di godere esclusivamente dei suoi benefici.

Esporsi ai raggi solari fa bene al nostro organismo e al nostro spirito: aiuta il corpo a produrre vitamine come la D particolarmente importante per l’assorbimento del calcio, rafforza le ossa e stimola la produzione di endorfine.

Ecco perchè è importante esporsi rispettando alcune regole che ci permettono di evitare non solo scottature ma anche tutta una serie di patologie e complicanze che derivano da una scorretta esposizione al sole.

Quindi che si scelga di andare in vacanza al mare o in montagna, che si rimanga in città e si vada a passeggiare nei parchi o in campagna occorre sempre prendere il sole con cautela e qualche accortezza. Spesso non ci si rende conto che il sole “picchia” ovunque anche sull’altalena nel parchetto sotto casa o mentre si cammina per andare al lavoro.

 

Decalogo per prendere il sole senza scottarsi

  1. Evitare di stare in spiaggia o al sole nelle ore più calde. In particolare la fascia oraria da evitare se si è incinta o se si hanno bambini è quella dalle 12 alle 16. In questi casi è preferibile se si sceglie di rimanere in spiaggia o in uno spazio aperto, cercare refrigerio in zone d’ombra dove ci sia una certa ventilazione.
  2. Usare sempre la crema solare, resistente all’acqua e con protezione molto alta, rinnovando l’applicazione a intervalli regolari. Per ciascun fototipo esiste un fattore protettivo più adatto. Suggeriamo di utilizzare gli schermi totali resistenti all’acqua per i bambini e una protezione dai 50 ai 30 per tutta la famiglia.  E per le patite della tintarella ricordiamo che il sole preso con cautela permette all’abbronzatura di rimanere più a lungo e di fissarsi in maniera più omogenea, senza sottoporre la pelle a particolari stress.
  3. Coprire la testa: indossare cappelli e bandane che proteggono il cuoio capelluto dall’intensità dei raggi solari.
  4. Indossare una maglietta traspirante: se i vostri bambini amano giocare a riva dove il riverbero dei raggi solari intensifica il proprio effetto oltre alla crema solare può essere indicato l’utilizzo di una maglietta in tessuto tecnico o filati naturali (cotone, lino) che lasci respirare la pelle e protegga dal sole.
  5. Utilizzare la crema solare anche in montagna: ad alta quota i raggi solari sono più intensi e passano anche attraverso le nuvole.
  6. Scegliere un ombrellone con un tessuto molto spesso che non faccia filtrare i raggi solari.
  7. Idratarsi: quando si passa molto tempo esposti al sole bisogna ricordarsi di bere per compensare i liquidi persi con la sudorazione. Portate sempre con voi dell’acqua o delle bevande.
  8. Attenzione ai colpi di sole e al surriscaldamento: non rimanete fermi sotto al sole senza protezione per lunghi periodi. Bagnatevi, cercate di ripararvi all’om
  9. Esporsi al sole con gradualità: sia in città, che al mare o in montagna, il sole varia la sua intensità lungo l’arco della giornata. Scegliete per i vostri spostamenti o per le prime esposizioni durante le vacanze le prime ore del mattino e quelle pomeridiane. Poi aumentate gradualmente la vostra esposizione.
  10. Utilizzare gli occhiali da sole: proteggere gli occhi dai raggi UV anche dei bambini con lenti specifiche. Nello scegliere gli occhiali optate per la qualità delle lenti non solo dalla montatura.

Per concludere vi suggeriamo una novità che arriva questa estate sul mercato italiano: i braccialetti Evita Sun UV Indicator con indicatori di raggi UV. Si tratta di un prodotto nuovo per il nostro Paese ma che nel nord Europa e in particoalre in Svezia viene usato già da alcuni anni con molto successo. Questi braccialetti sono in carta e resistono ad acqua e solari. Hanno però una particolarità: funzionano come una cartina tornasole. Registrano costantemente l’intensità dei raggi solari, si possono bagnare e ci si può applicare sopra la crema solare, ma soprattutto cambiano colore segnalando quando è necessario rispalmare la protezione oppure è preferibile allontanarsi dal sole e cercare riparo all’ombra in casi di esposizione eccessiva.

evita sun uv indicator

Fatevi guidare sempre dal buonsenso anche in fatto di sole!

Articoli consigliati

Scrivi un commento