5 cose da non fare con un bambino che non mangia

ADV

child girl does not like and not want to eat vegetables

Se tuo figlio rifiuta un cibo, se rifiuta di mangiare a scuola, o dai nonni, sta cercando di mandarti un messaggio: qualcosa ha bisogno della tua attenzione

  • 1) Il cibo ha un valore emotivo, non considerarlo solo “nutrimento”

Il cibo ha un grandissimo valore emotivo: da quando veniamo al mondo, le nostre sensazioni si formano intorno al “come” qualcuno si prende cura di noi quando ci nutre e si memorizzano insieme all’esperienza di quel cibo. Il lavoro sull’alimentazione dei bambini si svolge sempre su due piani: da un lato la necessità di dare buone regole riguardo alla sana alimentazione, dall’altro sapere che il cibo innesca dinamiche emotive di cui è necessario diventare consapevoli.

  • 2) Non costringerlo

Ogni cibo è carico di emozioni positive o negative, è quindi impossibile pensare che un bimbo apra la bocca se non è sereno. Se così non è, preoccupati. Costringendolo probabilmente aumenterà il suo disagio, e invece di muoverti verso la soluzione del problema non farai che accentuarlo.

  • 3) Non farlo mangiare quando è distratto o giocando

Forse otterrai un successo a breve termine, ma nutrirsi è questione di consapevolezza. Se c’è un problema, distrarlo (che si tratti di un suo disagio emotivo, o mancato apprezzamento per alcuni cibi) non ti porterà a risolverlo. Insegna a tuo figlio a mangiare consapevolmente e farai di lui una persona sana ed equilibrata.

  • 4) Non tentare di imbrogliarlo

Come detto sopra, il modo più efficace di risolvere un problema col cibo è affrontarlo. Inutile nascondere il cibo frullandolo insieme ad altri ingredienti o camuffarlo o mentirgli riguardo a cosa è, perderai solo la sua fiducia. La consistenza, gli alimenti che si mescolano, il colore, sono tutte cose che i bambini non danno per scontate. Cerca di conoscere tuo figlio, cerca di comprendere quali messaggi vuole darti sulle sue preferenze o su come si sente: i bambini vanno a “periodi”, quindi il suo rifiuto per determinati cibi è probabile che non durerà tutta la vita.

  • 5) Non perdere la calma

Se i controlli dal pediatra indicano che la situazione è normale e non necessita di attenzione, inutile caricarla di ansia. I bambini sentono le nostre emozioni e reagiscono di conseguenza. Ci sono bambini che non mangiano tanto perché non ne sentono il bisogno, bambini che hanno bisogno di essere stimolati con cibi differenti, più interessanti, bambini che non mangiano quando non si sentono a loro agio. Quando il cibo è al centro dell’attenzione, inizia una lotta di potere su chi la deve avere vinta. Provando invece a sdrammatizzare il bambino sentirà che siamo vicini e abbastanza saldi da non “crollare” davanti ai suoi rifiuti.

2 Comments on "5 cose da non fare con un bambino che non mangia"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Annalis scrive:

    ho trovato questo articolo molto interessante e sarei interessata ad ampliare le mie conoscenze. Mio figlio tra poco compirà 2 anni. Il cibo non è una sua passione. Ho smesso di allattarlo a 7 mesi e poco prima ha iniziato lo svezzamento. Non ha mai adorato il pesce… E il pediatra mi ha consigliato di non insistere. Siamo andati avanti ad omogeneizzati e passati di verdura. Da qualche mese preferisce la pasta asciutta. Ma la carne la rifiuta completamente. Spesso penso di aver sbagliato completamente i tempi e il modo di svezzarlo. È molto disinteressato e diffidente verso tutto quello che visivamente non gli piace.

    • Cara Annalis, sii paziente, sarebbe inutile forzare i tempi. I gusti dei bambini sono molto diversi da quelli degli adulti.
      Spesso si tratta solo di questioni pratiche (come condimenti, forme, consistenze) o di abitudini (forse preferisce mangiare con mamma e papà invece che da solo), in altri casi influisce il clima emotivo che si crea quando è il momento della pappa (ad esempio la paura che lui non mangi da parte di chi ha il compito di farlo mangiare). Parola d’ordine “relax”. E tutto arriverà.
      Comprendere come proporre il cibo ai propri figli è una vera e propria tessitura di una relazione: ci vuole apertura, disponibilità a mettersi in discussione e a imparare a conoscere chi è il piccolo uomo che abbiamo davanti.
      Trovi sul web e su blogmamma altri articoli scritti da me sull’argomento.
      Un caro saluto.

Scrivi un commento