Aborto spontaneo: può essere un errore!

ADV

Quando si fa la diagnosi di un aborto spontaneo, secondo quanto sostengono quattro studi apparsi di recente sulla rivista Ultrasound in Obstetrics and Gynecology si dovrebbero fare valutazioni precise e attente evitando così conclusioni affrettate, poiché potrebbe trattarsi solo di un sospetto di interruzione di gravidanza e nella migliore dell’ipotesi di falso allarme!

Secondo  ricercatori dell’Imperial College e della Queen University di Londra, in collaborazione con l’università Belga gli standard indicati dalle linee guida internazionali per riconoscere una gravidanza “interrotta” sarebbero la conclusione di studi di scarsa qualità, poiché  limitati ad campione ristretto di donne, inoltre supportate da tecniche di indagine con un certo margine di imprecisione.

Il passaggio fondamentale per evitare un errore è non soffermarsi ad un unico esame, ma di ripetere l’ecografia almeno dopo sette giorni, che confermi o un’interruzione di gravidanza o attesti invece la probabilità di una gestazione che prosegue.

Tuttavia nel nostro Paese, a tranquillizzare le future mamme italiane sono le parole del dott.Dario Paladini, Presidente della Società Italiana di Ecografia Ostetrico-Ginecologica (SIEOG), che sottolinea:

“Le linee guida della nostra società scientifica hanno sempre raccomandato una seconda ecografia a distanza di una settimana» La SIEOG ha sempre posto grande attenzione a definire i criteri diagnostici per affermare che una gravidanza si è spontaneamente interrotta: ripetere il controllo dopo sette giorni dall’esame che ha fatto sospettare l’aborto spontaneo garantisce quell’atteggiamento di attenzione e prudenza che riteniamo indispensabile e rimuove qualsiasi possibilità di errore”.

Fonte:
corriere.it

 

3 Comments on "Aborto spontaneo: può essere un errore!"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. anna scrive:

    Ciao Sara, scrivendo per questo blog ho avuto modo di approfondire molte tematiche sulla gravidanza e quello dell’aborto spontaneo è un evento doloroso abbastanza frequente, soprattutto alla prima gravidanza. Pensa proprio due giorni fa ho risentito un’amica che non sentivo da prima dell’estate e che mi rivelato di aver avuto un aborto spontaneo ( ha 38 anni ed era la sua prima gravidanza), il suo medico le avrebbe detto che accade spesso e a volte senza una causa reale e senza pregiudicare un’altra gravidanza. Spero che la tua gravidanza, nonostante il parere della ginecologa prosegua, fammi sapere e auguri.

  2. Sara scrive:

    Ciao a tutte,
    vedo con piacere che nessuna ha scritto su questo forum. Sicuramente per voi è una fortuna ma non lo è per me che forse non potrò confrontarmi con nessuna.
    Premetto che sono un po’ di mesi che cerco di avere un bambino. Ho smesso di fumare, sto avendo un’alimentazione più equilibrata e ho cominciato a prendere un rimedio omeopatico che dovrebbe aiutare a regolarizzare il ciclo. Avevo avuto l’ultima mestruazione il 21 ottobre e il 19 novembre a distanza di esattamente 28 giorni ho avuto un’altra mestruazione. L’ultima però è stata molto breve, 2 giorni, e con un flusso molto scarso. Dopo una settimana dall’ultima mestruazione ho cominciato ad avere delle perdite ematiche: 2-3 macchioline al giorno per 2 giorni. Ho chiamato la ginecologa e ho prenotato una visita che ho fatto mercoledì scorso. Mentre le spiegavo il fatto la dottoressa mi ha proposto di fare un’ecografia transvaginale e io ho accettato. Dall’ecografia si vedeva chiaramente che c’era una camera gestazionale. La ginecologa allora mi ha detto che quasi sicuramente quelle che io pensavo fossero mestruazioni era un aborto spontaneo. Mi ha comunque prescritto le beta e mi ha detto di chiamarla per comunicarle i risultati dicendomi comunque di non aspettarmi in nessun caso una gravidanza che possa andare a buon fine. Sono in crisi nera! E’ vero che non mi ero nemmeno accorta di essere incinta, ma un aborto mi distrugge psicologicamente!

    • Ana scrive:

      Quelle che hai avuto potrebbero anche essere state perdite d’ impianto, dipende dall’intensità e dal colore della perdita. Da come le hai descritte sembrano perdite ematiche da impianto. Comunque buona fortuna.

Scrivi un commento