Da 3 agosto 2009 6 Commenti Leggi tutto →

Al via la Baby tv su Sky, il canale per minori di tre anni

ADV

Parte tra le polemiche la Baby TV di Sky, canale riservato ai minori di tre anni. Il Movimento Italiano Genitori (Moige), che da tempo monitora i programmi televisivi, pubblicando ogni anno una guida critica, esprime il suo dissenso mettendo in evidenza i danni che – in base a diverse ricerche – la televisione può provocare in bambini così piccoli: “miopia, deficit di attenzione, problemi inerenti al ciclo di crescita e sviluppo psico-emozionale“, riferisce Elisabetta Scala, la responsabile del Moige.

Nessun dubbio viene avanzato quindi sulla qualità dei programmi, “realizzati con la consulenza e la supervisione di un pool internazionale di affermati psicologi dell’età evolutiva e di esperti dello sviluppo infantile”. Sherin Salvetti, vice presidente di Fox Channels Italia, afferma che “l’obiettivo di Baby TV non è quello di sostituirsi alla famiglia e diventare un canale baby sitter, ma quello di offrire un nuovo spunto di interazione tra genitori e figli“. Un sito internet proporrà inoltre giochi formativi da fare con i bambini e videoclip, oltre a consigli e attività suggeriti da specialisti per tutta la famiglia.

Antonio Marziale, presidente dell’Osservatorio sui diritti dei minori, non esprime ostilità a priori, ma auspica che “i contenuti siano minuziosamente controllati da esperti” e che “i genitori non guardino al canale come a un parcheggio”, riferisce la Repubblica di sabato 1 agosto.

La mia opinione in merito è inevitabilmente di parte e  forse pregiudiziale, dato che ho scelto di non avere la televisione in casa e ritengo che la maggior parte dei programmi siano se non dannosi, quanto meno inutili, non solo per i bambini, ma anche per gli adulti.

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate voi, anche magari dopo avere visto qualcuno dei cartoni animati in programmazione: fate o fareste guardare la Baby TV ai vostri figli under 3?

Immagine: dreambox.it

6 Comments on "Al via la Baby tv su Sky, il canale per minori di tre anni"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. anonimo scrive:

    come posso registrare un compleanno su baby tv???

    • Emi scrive:

      Vorrei che al compleanno di mia figlia pubblicare la sua foto su baby tv ( e il mio compleanno) la canzoncina. Come posso fare?

  2. Livia scrive:

    Grazie!

  3. Cinzia scrive:

    Se prediligi l’ascolto potrebbe interessarti fare un giro su http://www.aigam.org. Il sito si occupa della Music Learning Theory, teoria ideata da Edwin E. Gordon, fornendo anche informazioni su come reperire materiali accessibilissimi per agevolare i piccoli nell’apprendimento musicale rispettando le caratteristiche di spontaneità, immediatezza e creatività che gli sono proprie 😉

  4. livia scrive:

    Sapevo che sarebbe arrivata qualche indicazione su come usare in maniera consapevole e attenta la Baby Tv. Grazie anche per l’indicazione sui canali radio, che proverò ad ascoltare: sono strumenti che apprezzo di più, perché mi pare che l’ascolto, a differenza dell’osservazione di immagini preconfezionate, dia più spazio alla fantasia e al libero fluire dell’immaginazione.

  5. Cinzia scrive:

    La stessa tv, in quanto mero strumento, credo rappresenti veicolo di danno solo in relazione ad un utilizzo sconsiderato o inconsapevole. In particolare i programmi trasmessi dal canale a cui fa riferimento l’articolo sono molto più accurati e specifici di qualsiasi altra produzione televisiva per bambini abbia mai avuto modo di conoscere. Il mio bambino ha solo 13 mesi e fino ad ora gli ho proposto la visione in tv dei soli cd “Baby Einstein” (anch’essi specifici per i più piccoli) preferendo dare più spazio all’ascolto musicale piuttosto che al caos psichedelico dalla tv tradizionale. Ritengo chei programmi di baby tv siano un possibile supporto ai genitori nell’abituare i piccoli proprio ad utilizzare il mezzo tv nel modo più corretto, ovviamente a condizione che la visione dei cartoni e dei filmati sia ridotta a pochi minuti distribuiti durante il giorno e rigorosamente in compagnia di una mamma (o un papà) disposti a fare da intermediario tra il piccolo e lo stimolo conoscitivo proposto dalla tv.

    P.S. il sito internet di baby tv offre anche due canali radio appositamente studiati che forse possono rappresentare un’alternativa più sana nel caso ci fosse una occasionale necessità di “parcheggiare” il piccolo per qualche minuto, Luca ascolta volentieri le filastrocche e le canzoni trasmesse dalla radio e passa anche un buon quarto d’ora (per la sua età è tanto) a ballare nel box imitando i versi degli animali.

Scrivi un commento