Da 14 agosto 2009 0 commenti Leggi tutto →

Alimentazione bambini: l'anguria

ADV

Dolcissima ma povera di calorie è una vera delizia per i golosi. Con un contenuto di acqua che supera il 95%, l’anguria (o cocomero) si può considerare praticamente una “bevanda solida”, perfetta per rinfrescare e placare la sete nella stagione estiva.

Bisogna introdurla nella dieta dei bambini non prima dell’anno di età per evitare rischi di allergia. Per cominciare può essere somministrata sotto forma di sorbetto verso i 15 mesi, per poi proporla a pezzetti ed, infine, nella classica fetta, con cui i bambini, mangiando, si lavano anche la faccia.

Gli esperti sanno riconoscere la buona anguria dal suono che emette battendola con le nocche delle dita: il rumore della bontà è debole, sordo, cupo; mentre se, percuotendola, emette un suono netto, piacevole e forte, allora… non è buona. Sempre per valutare la maturazione si può anche provare a graffiare via un po’ di buccia con un’unghia: se si stacca facilmente, il cocomero è maturo al punto giusto. Il colore della scorza deve essere brillante, verde scuro o a strisce grigie; possibili macchioline sulla superficie non rappresentano un problema. L’eventuale pezzo di tralcio in cima al frutto deve essere secco. Ed infine le angurie più pesanti tendono ad essere le più mature.

L’anguria va conservata al fresco, immersa in acqua fredda quando è intera, oppure nel frigorifero, se tagliata a fette. In ogni caso non dura a lungo ed è consigliabile mangiarla entro 1-2 giorni dall’acquisto. La ricchezza d’acqua e la naturale dolcezza la rendono .

Ed allora ecco di seguito qualche golosa ricetta!

Sorbettino di anguria (dai 15 mesi)

Ingredienti per 2 sorbettini:
– 100 g di polpa d’anguria;
– 4 cucchiai di zucchero di canna;
– succo di limone.

Eliminare i semini dalla polpa d’anguria e frullarla insieme con lo zucchero, un cucchiaio da tè di succo di limone e mezzo bicchiere d’acqua fredda.
Se si dispone di una gelatiera che può lavorare anche piccole quantità di prodotto, utilizzatela per portare il sorbetto alla giusta consistenza, altrimenti potete mettere il frullato in una scodella e riporla in freezer, togliendola spesso per mescolare, fino ad avere comunque un sorbetto cremoso.

Spiedino di anguria e mozzarella

Ingredienti per 4 persone:
– 1 fetta di anguria, circa 500 g.;
– 24 ciliegine di mozzarella;
– 8 pomodori ramati;
– basilico;
– aceto balsamico;
– olio extravergine di oliva;
– sale.

Liberare la polpa dell’anguria dalla buccia e dai semi, e ricavarne 24 cubetti.
Sbollentare i pomodorini, pelarli e tagliarli a piccole falde (ma se preferite potete anche usarli crudi).
Raccogliere in una ciotola i cubetti di anguria, le falde di pomodoro e le mozzarelle, condire il tutto con un pizzico di sale, un filo d’olio, qualche goccia di aceto balsamico e alcune foglioline di basilico, quindi preparare 8 spiedini, alternando regolarmente su ciascuno i diversi ingredienti.
Potete servire gli spiedini infilati su uno spicchio di anguria.

Macedonia di anguria

Ingredienti per 4 persone:
– mezza anguria rotonda;
– 400 g. di prugne;
300 g. di pesche;
– 300 g. di albicocche;
– 50 g. di zucchero;
– 1 arancia;
– 1 limone.

Svuotare la mezza anguria con uno scavino rotondo, ricavando dalla polpa tante palline che raccoglierete in una ciotola.
Completare lo svuotamento dell’anguria aiutandoti con un cucchiaio, tagliare a dadini la polpa così ottenuta e mescolarla alle palline nella ciotola.
Conservare la mezza anguria svuotata in frigorifero.
Lavare pesche, prugne e albicocche, sgocciolarle e tagliarle tutte a spicchietti, quindi mescolare questa frutta ai dadini e alle palline d’anguria.
Spolverizzare il tutto con lo zucchero e irrorare la macedonia con il succo filtrato di un limone.
Grattugiare la buccia di un’arancia e unirla alla macedonia.
Coprire con pellicola trasparente e mettere in frigorifero.
Al momento di portare in tavola, riempire il “cestino” d’anguria con la macedonia e servire.

Immagini:
images.com by Image Source
michela-pepepeperoncino.blogspot.com
buttalapasta.it
prodottialoevera.it

Scrivi un commento