Allattamento, per evitare una gravidanza, quale contraccettivo?

ADV

Quando si allatta, il rischio di una gravidanza esiste anche se l’allattamento al seno esclusivo e regolare senza integrazione di latte artificiale può considerarsi un metodo contraccettivo efficace, rispettando però dosi e tempi si può inibire la fertilità ed evitare una gravidanza con quello che viene chiamato il metodo LAM (metodo dell’amenorrea da lattazzione) e a riquardo il vostro medico vi darà tutte le indicazioni necessarie per allattare serenamente.

Però se l’allattamento è appunto misto, per evitare una gravidanza è opportuno valutare un giusta protezione parlando con il ginecologo che ci indicherà una linea guida personale, naturalmente diversa dalla contraccezione usata prima della gravidanza, un aspetto importante del puerperio da non trascurare anche per riavere una serena e ritrovata intimità di coppia.

Subito dopo il parto è importante informarsi su quale metodo contraccettivo sia adatto per noi, i metodi naturali che prevedono la rilevazione di parametri come la temperatura corporea, il muco cervicale non sono sempre attendibili e sicuri durante l’allattamento e spesso la scelta ricade o sul preservativo che può rappresentare un fastidio soprattutto se si è appena partorito, o nella maggior parte dei casi sulla minipillola, una compressa contraccettiva nata  proprio per le neomamme che allattano.

Una pillola diversa perchè contiene solo progestinici (senza estrogeni) e cosa importante è sicura per il bambino, perché non modifica la qualità e la quantità del latte materno ed inoltre non ha effetti collaterali.

Immagini: salute.leiweb.it

Scrivi un commento