Da 17 aprile 2009 0 commenti Leggi tutto →

Allattare: la posizione sdraiata e semisdraiata

ADV

Continuo i post monotematici sulle posizioni dell’allattamento che integrano lo speciale allattamento per raccontarvi pro e contro di ognuna, parliamo di posizione sdraiata e semisdraiata che non sono molto usate da chi ha appena partorito per non so quali motivi, ma che hanno molti lati positivi, il primo è sicuramente la comodità per la mamma, importantissima in allattamento e nell’immediato post-parto.

Avevo già parlato della posizione sdraiata in relazione al riflesso di emissione troppo forte perché una delle indicazioni principali riguarda proprio questo problema e che con questa posizione spesso viene risolto in modo definitivo ma i vantaggi e le indicazioni non si fermano qui.

E’ molto indicata nel periodo immediatamente dopo il parto, in particolare se il parto è stato un cesareo per cui diventa l’unica praticabile nei primi giorni.

Se allatti di notte, nel lettone matrimoniale, questa posizione ti permette di non doverti alzare e di far riaddormentare il tuo bambino senza traumi e senza stanchezza eccessiva da parte tua e senza svegliare il tuo compagno che dorme vicino a voi. Questa è la soluzione migliore se vuoi evitare levatacce notturne e, soprattutto, se devi andare a lavorare la mattina, si chiama co-sleeping e per me è stata una grande libertà che mi ha permesso di allattare tranquillamente fino ai 14 mesi mio figlio.

L’ultimo “pro” è che è una posizione semplicissima da mettere in atto: la tua schiena, le tue braccia e talvolta anche i tuoi piedi avranno bisogno di essere ben sostenuti con alcuni cuscini e il tuo bimbo deve essere messo con il collo dritto o leggermente piegato all’indietro e con il corpo rivolto verso di te, dovrete essere “pancia contro pancia” e deve riuscire a raggiungere il seno senza contorcersi e stirarsi.

A fronte di tutti questi vantaggi c’è un solo “contro”, la posizione sdraiata o semisdraiata è da evitare per i bimbi che soffrono di reflusso.

Postato in: Bambino, Neonato

Scrivi un commento