Da 4 novembre 2010 0 commenti Leggi tutto →

Ansia e depressione nei bambini? Colpa di videogiochi, tv e sms

ADV

Ebbene sì sembrerebbe da uno studio che sempre più bambini trascorrono le ore serali, chattando, navigando in internet, giocando con i videogiochi e mandando sms. Questi stessi bambini sono più predisposti, dunque, a soffrire di maggiori disturbi del sonno ed altri problemi ad essi correlati.

L’autore dello studio, condotto dallo Sleep Disorders Center presso il JFK Medical Center di Edison nel New Jersey, è il dott Peter G. Polos che ha dichiarato: “Queste attività non favoriscono il sonno come quando si legge un romanzo o si ascolta della musica rilassante. Stimolano il cervello e deprimono i cicli di normale sonno”

Lo studio quindi dimostra che c’è una stretta relazione tra l’utilizzo di questi mezzi elettronici in tarda serata e i disturbi di attenzione, sbalzi di umore, ansia e depressione e naturalmente poca attenzione durante il giorno. Dallo studio è emerso anche un altro dato, e cioè che la maggior parte dei genitori di questi ragazzi esaminati, non erano a conoscenza del fatto che i loro bambini, chiusi nelle loro stanze, usassero questi aggeggi elettronici anche durante la notte. Altri invece erano al corrente ma per loro andava bene!

I genitori dovrebbero monitorare l’utilizzo dei media elettronici, perché alla fine della giornata, il genitore è ancora genitore e il bambino è ancora bambino“, continua il dottor Polos secondo il quale anche il medico che valuta lo stato di salute di un bambino, dovrebbe tenere in considerazione anche l’utilizzo di media elettronici durante le ore serali e mettere in guardia da possibili danni che questo tipo di comportamento potrebbe avere sui bambini.

Naturalmente è bene dover mettere delle regole ben precise sull’utilizzo di questo aggeggi elettronici come ad esempio evitare di utilizzarli di sera ma soprattutto di non tenerli direttamente nella camera dei ragazzi! Il mio ometto ama poter giocare con il suo giochino elettronico, ma può farlo solo per poco tempo durante il pomeriggio dopo aver finito i compiti! Lo so, ora diciamo che è ancora piccolo (7 anni) e non oso pensare quando sarà adolescente e deciderà di rinchiudersi nella sua camera per stare “tranquillo” ma almeno qui in casa vige la regola… “niente televisione in camera da letto… neanche per mamma e papà!”

E voi come vi comportate con i vostri bambini?

Immagini:
hi-techitaly.com
marcheabruzzo.it
additudemag.com

Scrivi un commento