Asili nel bosco e asili in fattoria: due idee con tanti vantaggi

ADV

La maggior parte di noi non li ha mai sentiti nominare gli “asili nel bosco” e gli “asili in fattoria” ma con una grande diffusione nel nord Europa, in particolare in Danimarca, in Germania e in Svizzera, cominciano a fare capolino timidamente anche in alcune parti d’Italia. In particolare l’asilo nel bosco, il waldkindergarten nasce in Danimarca all’incirca mezzo secolo fa, adesso sono diffusissimi su tutto il territorio danese praticamente in ogni paese che n’è uno.

Waldkindergarten in italiano è stato tradotto con “asilo del bosco” ma in realtà si tratta di quella che noi chiamiamo scuola materna, i bambini vengono accettati dai 30 mesi e non in età da asilo nido.

Il metodo degli asili nel bosco e degli asili in fattoria, che ne sono una variante, ha molti punti in comune con il metodo Montessori e, in Danimarca e in Germania, sono stati fatti molti studi sui vantaggi che il contatto con la natura, al posto dello stazionamento in una ambiente chiuso, ha sui bambini sia in termini di benessere fisico sia in termini di benessere psicologico ed i risultati sono stati sorprendenti.

I bambini del waldkindergarten sono meno soggetti ad infezioni respiratorie, raffreddori, mal di gola ed infezioni alle orecchie, fino all’80% in meno rispetto ai bambini delle scuole materne “normali”, inoltre sono meno aggressivi e si fanno male più raramente ed il contatto con la natura può essere un’ottima terapia anche per problemi comportamentali seri come le difficoltà di apprendimento e le sindromi da deficit di attenzione (ADD e ADHD).

Come dicevo stanno arrivando timidamente anche da noi questi asili bellissimi, purtroppo nessuno nella mia zona, almeno in relazione alle informazioni che ho trovato, ma qualcuno nel nord Italia c’è:

  • La Piemontesina – Agrinido di Chivasso, 13-B, Frazione Mandria, Chivasso (To), tel 347 3037284 – lapiemontesina@tele2.it
  • Agriasilo di Pignano (Pisa) – tel 338 7344527 (Pushpa)
  • Libera scuolina di campagna «Fioretta Mazzei» (provincia di Firenze) – benedetta214@virgilio.it
  • Casa Betlem nel “bosco verde” di Castello Cabiaglio (Va)
  • Asilo nel bosco – Trento, via Salé, 13 Povo-Trento 38100 Italia, asilonelbosco@libero.it, www.asilonelbosco.it

Se avete altre informazioni sia su questi asili nel bosco ed in fattoria, sia su altri in altre zone d’Italia segnalatelo nei commenti, sarebbe bellissimo riuscire a fare un censimento sempre aggiornato di queste importanti risorse per ecomamme consapevoli!

18 Comments on "Asili nel bosco e asili in fattoria: due idee con tanti vantaggi"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Verusca scrive:

    Ciao,
    Sono una mamma di due bambini con il terzo in arrivo. Vivo in provincia di Reggio Emilia, in una splendida zona pedemontana. Insieme ad un gruppo di genitori abbiamo creato un comitato “Noè idee per crescere” volto a sostenere la genitorialità e la progettazione di percorsi educativi per bambini ed adolescenti. Nel 2009 abbiamo iniziato un progetto di scuola di bosco che nel tempo si è articolato in diversi percorsi: progetto piccoli 0-3, progetto 6-10, progetto rivolto alle scuole elementari, nidi e scuole materne, domeniche nel bosco nonchè un corso di formazione per genitori, educatori, insegnanti…insomma tutti coloro che sono interessati a conoscere, studiare, sperimentare un approccio educativo in natura. I bambini e gli adulti che si sono avventuarti in questa sperimentazione….sono entusiasti!!!!

  2. Anna scrive:

    Ciao, sono una mamma e sto cercando di avviare un progetto di educazione
    familiare autogestita e condivisa con altri genitori.
    Avremmo a diposizione una piccolissima casetta in legno nel parco del
    Grugnotorto (Cinisello Balsamo, Milano), da condividere con altre
    associazioni.
    Cerco genitori ed educatori interessati al progetto. Sono Anna:
    annakspotorno@libero.it

  3. carlotta scrive:

    Feedback di mamma.
    Vivo a Lussemburgo, una figlia nata qui, se ne va in giro per parchi e boschi sempre mezza nuda nonostante rigide temperature. Risultato: mai una febbre ne’ un raffreddore.

  4. marianna scrive:

    Salve a tutte,
    leggo solo ora l’articolo e la discussione inerente ma volevo comunque farvi altre due segnalazioni per gli agriasilo e agrinido.
    Esiste in Piemonte a Poirino provincia di Torino ‘Il trenino’ e in Umbria a Trevi ‘La compagnia dei Birichini’.
    Grazie e teniamoci aggiornate!
    Marianna

  5. Paola scrive:

    anche a me piacerebbe tantissimo dare un alternativa alle normali scuole istituzionali….e far crescere i bambini a contatto con la natura. mi manca il posto, e persone con cui intraprendere questa esperienza.Sono un’educatrice,vivo a Genova città ma nn vedo l ora di spostarmi!

  6. Alessia scrive:

    Ciao Barbara e Adelaide, purtroppo io non ho informazioni da darvi sull’iter burocratico ma credo che la cosa migliore sia chiedere direttamente agli asili già esistenti, in bocca al lupo e se trovate info interessanti perchè non ce le scrivete? Chissà quante altre mamme/maestre sono ibteressate… 🙂

  7. adelaide scrive:

    Buongiorno, trovo questa idea davvero interessante, sono un’insegnante in una casa dei bambini Montessori e vivo in un piccolo paese proprio adatto a questo genere di scuola!!vorrei avere informazioni riguardo all’iter burocratico.grazie mille!

  8. Barbara scrive:

    Buongiorno,sto progettando un agriasilo nell’agriturismo dell’azienda agricola dei miei genitori in Toscana e mi piacerebbe avere info da chi ha già iniziato per sapere l’iter burocratico ed anke per avere uno scambio didattico e pedagogico (dossi.barbara@libero.it) grazie.

  9. Livia scrive:

    Bello, davvero!

  10. Alessia scrive:

    E’ vero che sarebbe bellissimo? Qui non ho trovato niente di niente anche se siamo in mezzo ai boschi! 🙁
    Poi fammi sapere cos’hai scoperto 😉

  11. Nadia scrive:

    dai bellissimo! ora mi informo per quello “quasi” vicino a casa mia!

Scrivi un commento