Da 6 novembre 2009 0 commenti Leggi tutto →

Aspettando Natale con i bambini: gli arancini di Santa Lucia

ADV

foto di “io da grande

Ormai mancano solo 48 giorni al Natale ed è davvero bello cominciare ad assaporare questo senso di attesa con i bambini, prima di Natale arriva la festa di Santa Lucia, molto amata in tante parti d’Italia, in alcune regioni la tradizione vuole che sia proprio lei che porta i doni ai bambini, a cavallo di un asinello. Per festeggiarla vi propongo una ricetta tipica siciliana, gli arancini di riso, che viene molto usata durante questa festa nel siracusano.

Perchè gli arancini di riso sono cucinati spesso, nella provincia di Siracusa, durante la festa di Santa Lucia che lo spiega Bian del blog L’osso e la lisca:

Si racconta che nel 1646 Siracusa sia stata colpita da una gravissima carestia e che, nel momento di maggiore disperazione, giunse in porto una nave carica di frumento. Era giorno 13 Dicembre e si gridò al miracolo! Il frumento venne distribuito subito alla popolazione affamata… non c’era altro tempo da perdere con la macinazione, per farne farina e poi pane o pasta e quindi il grano venne consumato così com’era, semplicemente bollito… Da allora in questa giornata dell’anno in tutta la Sicilia si commemora Santa Lucia evitando pasta e pane (ed in sostituzione ci si abbuffa di arancine e sformati di patate! infatti non è che sappia moltissimo di penitenza…eheh! pensate che oggi in un famoso bar palermitano sono state preparate ben 20.000 arancine!!mammamia!) e mangiando la cuccìa, un dolce al cucchiaio a base di grano tenero cotto e condito con della crema alla ricotta, al mosto cotto, al latte, al cioccolato […]

Gli arancini di riso sono sempre molto d’effetto e non credo ci sia bambino che possa resistere davanti ad un piatto pieno di queste leccornie, la “pallina” è fatta con risotto cucinato alla milanese, con lo zafferano, mentre il ripieno ha due varianti, una con un sugo di carne molto denso con aggiunta di piselli, l’altro con una besciamella bella soda più prosciutto cotto e mozzarella tagliati a dadini. L’impanatura completa il tutto e poi si friggono in abbondante olio caldo.

Oggi parlo di quelli con il ripieno “bianco”, andiamo a vedere nel dettaglio la ricetta per 4 persone:

– 350/400 gr. di riso carnaroli

– 1 lt. di brodo o acqua

– una bustina di zafferano

– 2 foglie di alloro

– una cipolla

– 1/2 bicchiere di vino bianco

– sale

– burro

– olio extravergine d’oliva

Per il ripieno:

– 50/60 gr. di besciamella

– 100/150 gr. di prosciutto a dadini

– 100/120 gr. di mozzarella a dadini

Per la panatura:

– acqua

– farina

– pangrattato

Prima di tutto bisogna preparare il risotto con lo zafferano, fai soffriggere la cipolla, tagliata fine fine e le foglie di alloro in olio extravergine d’oliva, aggiungi il riso e fai tostare bene, bagna con il vino bianco e lascia insaporire, mescolando, per un minuto. Versa l’acqua o il brodo, regola di sale e lascia cuocere senza più mescolare fino a cottura del riso.

foto di “io da grande

Quando è pronto lascialo intiepidire e poi si cominciano a preparare le palline (tenendo vicino una ciotola d’acqua per inumidirsi le mani spesso, tra una pallina e l’altra). Prendi un pugno di riso, lavoralo velocemente con le mani appiattendolo e stringi la mano a coppa, con il riso dentro, nella conca metti un po’ di ripieno con besciamella e dadini di prosciutto e formaggio, chiudi con un altro strato di riso e dai la forma rotonda.

Impana subito ogni pallina con una prima passata nella “colla” densa fatta con acqua e farina, ed una seconda passata nel pangrattato. Quando tutti gli arancini sono pronti scalda l’olio abbondante e falle friggere finché non sono belle aranciate.

Scrivi un commento