Da 23 settembre 2010 0 commenti Leggi tutto →

Attività all’aperto coi bambini: piantiamo i bulbi

ADV

Autunno. L’aria comincia a rinfrescare la mattina, ma quando nelle ore più calde il sole scalda, le giornate di settembre e ottobre permettono ancora di godere di ore passate all’aria aperta. C’è quindi tempo qualche attività che permetta a noi e ai nostri bimbi di evitare di chiuderci in casa e nello stesso tempo di divertirci.

Siete solite fare un po’ di giardinaggio coi pargoli? Io, come ho già raccontato, ho un piccolo giardino e ho sempre coinvolto i miei figli nel trapiantare in primavera primule e violette, nel seminare la rucola, pomodori, girasoli e rapanelli. In autunno mi lascio sempre tentare da tutti quei bulbi che fanno capolino tra i banchi del mercato e nei supermercati. Li compro, trovo un pomeriggio di sole e senza altri impegni, chiamo i figli e insieme a loro li interro.

I bulbi vengono bene sia in terra che nei vasi, non richiedono particolari cure. Se avete un balcone, prendete dei vasi di diverse forme e dimensioni, comprate bulbi di giacinto, muscari, narcisi, fresie e poneteli a dimora. Narcisi e giacinti crescono molto bene in cassette:  sistemateli a poca profondità nel terreno, che avrete arricchito con un po’ di sabbia. I bimbi sono in grado di posizionare i bulbi in terra e di ricoprirli, sta a voi guidarli, dar loro indicazioni e regole. Una volta terminata la messa a dimora, annaffiate. Alcuni suggeriscono di mettere i vasi in un luogo buio durante l’inverno. In realtà io non l’ho mai fatto e i fiori sono spuntati comunque.

Se invece avete un giardino, potete scegliere dove piantare i fiori. Disseminate nel prato un po’ di piccoli crochi, sono i primi a fiorire e saranno una nota di colore che romperà il grigio invernale. I tulipani sono molto adatti a essere interrati, così come narcisi e giacinti. Anche in questo caso  i piccoli possono essere di grande aiuto: grazie a un attrezzo apposito, potete scavare insieme il buco per posizionare il bulbo, metterlo a dimora e ricoprirlo di terra. Allegramente insieme.

Avete fatto tutto, passato un pomeriggio divertendovi? Ora spiegate al vostro piccolo che tutto ciò che serve è solo un’attesa paziente, perchè passeranno mesi e, quando nuovamente torneranno le giornate calde e tiepide per giocare ore e ore all’aperto, anche i fiori piantati faranno capolino e riempiranno giardino e terrazzo di colore.

Fonte:

invacanzadaunavita

giardinare.it

pollicegreen.com

Scrivi un commento