Da 2 settembre 2010 0 commenti Leggi tutto →

Baby sitter: come scegliere quella giusta!

Il ritorno al lavoro dopo le vacanze implica per molte famiglie la necessità di trovare una persona che si occupi dei bambini per qualche ora la giorno, integrando o sostituendo l’assistenza del nido e dei nonni. Ma non è facile individuare una baby-sitter affidabile. Vediamo insieme qualche consiglio per trovare la baby-sitter che fa al caso nostro!

Innanzitutto, i genitori devono avere chiare le loro necessità in termini di orari e di requisiti ideali che una volta stabiliti è bene cercare una persona con qualche referenza, tentando di capire se e per quale motivo abbia interrotto le collaborazioni precedenti. Un percorso formativo di tipo pedagogico o psicologico offre ovviamente qualche garanzia in più, essendo un segnale di predisposizione verso i bambini.

Anche la prima impressione è importante: tocca alla sensibilità della mamma intuire se dietro la scelta della persona c’è anche il desiderio di stare con i bambini oltre alla semplice necessità economica. Se è straniera, verifichiamo che parli correttamente italiano, sia per lo sviluppo linguistico del bambino, sia per intenderci bene sulle cosa da fare. E’ infatti fondamentale che la baby-sitter esegua alla lettera ciò che le viene chiesto dalla famiglia.

Altro requisito, una certa flessibilità: la persona che si occupa del bambino dovrà sapersi adattare a qualche cambiamento di orario o a un imprevisto.

E voi cosa pensate? Sono veramente necessari tutti questi requisiti? Personalmente ho scelto la baby-sitter per il mio marmocchietto seguendo l’istinto e l’impressione che la persona mi ha fatto quando l’ho vista la prima volta (rivelatasi giusta dopo… fiuuu!!!). Non ho cercato persone preparatissime ma una mamma che volesse seguire il mio ometto per qualche ora insieme ai suoi e devo dire che è stato accolto come il 4 figlio e ancora oggi è rimasto un buonissimo rapporto! A voi invece come è andata?

Immagini:
ndnforum.com
helenhoffmangallery.com
images.businessweek.com

Scrivi un commento