Bagnetto al mare per il neonato, qual è l’età giusta?

bambino sotto l'ombrellone- Bagnetto al mare per il neonato

La stagione estiva è iniziata, e per le mamme ancora in maternità è arrivato il momento della prima vacanza con il proprio piccolo.
Vi siete già domandate qual è l’età giusta per fare il primo bagnetto al mare al neonato?
Come per la maggior parte delle questioni che riguardano i bambini non esiste una regola ferrea, oltre che ad alcune importanti linee guida dovrete far affidamento al vostro buon senso, che ora che siete diventate mamme sarà ancora più spiccato!

3 Regole d’oro del neonato al mare

Prima di parlare nello specifico di bagnetto, vorremmo ricordare alle neomamme degli importanti accorgimenti per la gestione del lattante (sotto i 12 mesi di età) in spiaggia:

  1. Portare il bambino in spiaggia solo nelle ore meno calde del giorno, ossia prima delle 10 e dopo le 16. E cercare di tenerlo il più possibile sotto l’ombrellone.
  2. Tenere sempre coperto il capo del piccolo con un cappellino o una bandana. Il cappellino è preferibile con la banda larga così da proteggere gli occhi dal sole e dal riflesso della luce sull’acqua.
  3. Sotto i 6 mesi di età è preferibile non esporre tanto il bambino al sole, anche perché non si può abbondare con le creme protettive per via di eventuali reazioni allergiche.

Questo non significa che il lattante non possa essere portato in spiaggia, anzi l’aria del mare può solo portare giovamento in vista dell’inverno.

LEGGI ANCHE: Si può fare il bagno dopo mangiato?

Detto ciò arriviamo al dunque:

Quando il neonato può fare il bagnetto al mare?

Come dicevamo non esiste una regola precisa, certo è che sotto i 5-6 mesi di età è sconsigliata l’immersione completa nell’acqua del mare.
Quando sono ancora piccoli (5-6 mesi) il consiglio è quello di acquistare una piccola piscina per bebè da riempire con poca acqua del mare e lasciare riscaldare al sole. Il lattante potrà iniziare così a familiarizzare con l’acqua salata di temperatura completamente diversa rispetto a quella del bagnetto di casa.
Dopo questo primo “avvicinamento” potrete bagnare i piedini del piccolo nel bagnasciuga e vedere quali sono le sue reazioni. Passate poi alle gambette e alle manine fino ad arrivare all’immersione del corpo completa. Questo solo e soltanto se la temperatura dell’acqua non è bassa, altrimenti evitate di fare il bagnetto al piccolo.
In ogni caso il bagnetto al mare del neonato non dovrebbe durare più di 5-10 minuti, questo perché i lattanti non hanno ancora sviluppato completamente la capacità di autoregolazione della temperatura corporea.
Raccomandazione: mai e poi mai immergere il neonato nell’acqua in un sola volta, con effetto “tuffo”! Oltre al rischio di salute per il bambino vi è anche il pericolo di shock, che porterà il bambino a non amare il bagno.

Non abbiate fretta! Date tempo al tempo e il vostro piccolo amerà l’acqua e fare il bagnetto al mare.

LEGGI ANCHE: Come organizzare una giornata al mare col bebè

Buone vacanze!

Scrivi un commento