Da 23 agosto 2010 0 commenti Leggi tutto →

Bambini: già a 7 mesi interpretano le emozioni della mamma

ADV

I bambini di soli 7 mesi di età riescono a capire lo stato d’animo di chi parla con loro, o accanto a loro esattamente come gli adulti, distinguono nella voce di chi sta loro vicino la rabbia, la felicità, la gioia o il nervosismo e reagiscono a queste emozioni. Lo rivela una ricerca condotta dagli scienziati inglesi dell’Università di Londra e pubblicata sulla rivista di neurologia Neuron.

I ricercatori hanno studiato un gruppo di dieci bambini dai tre agli otto mesi di età per certificare che cosa accade nel loro cervello quando, accanto a loro, sentono una voce umana esprimere diversi stati d’animo. Dapprima hanno chiesto a un attore di recitare dei brevi testi, alcuni senza un tono particolare, con calma e tranquillità, altri, invece, carichi di rabbia o colmi di felicità; poi, con un metodo chiamato spettrografia a infrarossi, hanno analizzato le reazioni della mente dei bambini all’esibizione dell’attore.

In questo modo i ricercatori inglesi hanno scoperto che prima dei quattro mesi di età la mente dei piccoli non ha reazioni particolari. Hanno poi ripetuto l’esperimento tre mesi dopo, all’età di sette mese, quando i bambini ascoltavano le parole pronunciate con un tono carico di emozione, nel loro cervello si notava un aumento di attività del tutto simile a quello che avviene negli adulti.

Già a quell’età insomma, concludono i ricercatori, i bambini riconoscono le emozioni espresse dalla voce riuscendo, istintivamente, a decifrare lo stato d’animo che c’è dietro il modo in cui le parole sono pronunciate.

Immagini:
images.com by Stock Connection
images.com by Design Pics

Scrivi un commento