Bambini in auto: ancora tanta indisciplina nel trasporto

ADV

bambini in auto

La rivista Quattroruote ha nuovamente affrontato il tema dei bambini in auto e dell’atteggiamento indisciplinato di molti genitori. Stando alle recenti statistiche, infatti, in Italia su 10 bambini 6 vengono trasportati in auto in modo scorretto: non vengono posizionati su quegli “idonei sistemi di ritenuta” indicati dall’art. 172 del Codice della Strada oppure non viaggiano legati ai seggiolini in maniera corretta.

Ciò che ha anche evidenziato l’articolo di Quattroruote, inoltre, è che chi non rispetta il codice della strada in questi casi è raro che subisca sanzioni. I dati del 2013 riguardo alle multe riferite a queste infrazioni sono indicativi: solo 118 a Milano su un totale di 2,4 milioni e 60 a Roma su 2,1 milioni. Ciò significa che, nonostante la pericolosità di questi comportamenti, le forze dell’ordine non impiegano sufficiente attenzione per evitarli e perseguirli.

Test di Quattroruote su bambini in auto

Per verificare il comportamento delle forze dell’ordine riguardo al cattivo trasporto dei bambini in auto, Quattroruote ha effettuato un test a Milano e Roma. Una telecamera in auto, il passeggero seduto davanti con in braccio un bambino (finto!) ben visibile dall’esterno e il test è partito. L’auto ha attraversato i punti nevralgici della città, quelli più trafficati. Il risultato è stato che a Milano nessuno dei ventisei agenti incrociati ha fermato l’auto e a Roma due agenti sono intervenute soltanto a seguito di un’altra infrazione commessa da chi stava alla guida.

Un po’ sconfortante come risultato, vero? Certamente una tale disattenzione delle forze dell’ordine non aiuta i genitori dei bambini ad essere più attenti nel trasportate i propri bambini in auto. Voi cosa ne pensate?

 

Articoli consigliati

2 Comments on "Bambini in auto: ancora tanta indisciplina nel trasporto"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. ursula scrive:

    Ma il seggiolino o le cinture vanno usati perché sono un mezzo di protezione e di sicurezza e non perché incorriamo in sanzioni.
    Come ci occupiamo della salute dei nostri bimbi o di noi stessi se non stiamo bene dovremmo farlo anche in auto.
    Bisognerebbe mettere in evidenza cosa succederebbe ai nostri bimbi in caso di incidente se non usiamo gli idonei sistemi di trattenuta e cosa invece sarebbe accaduto se li avessimo usati correttamente.
    Molti pensano che in un breve tratto di strada possiamo non usarle mentre in viaggio dobbiamo usarle.
    Noi in famiglia le usiamo sempre tutti, fa parte dell’educazione cha abbiamo dato ai nostri bambini; loro usano sempre il seggiolino e le cinture, legati in sicurezza e fanno lo fanno notare a chi non le usa di indossarle.
    Fare degli spot in cui si usano i crash test con i manichini oppure nei tg quando si danno notizie di incidenti specificare se si sono usate le cinture o no…secondo me è molto importante, e non per le multe ma per LA VITA DEI MIEI FIGLI!!!
    PENSATECI!!

    • Lucia D'Adda scrive:

      Ursula sono perfettamente d’accordo con te! Nel seguire questa rubrica ho avuto modo di vedere i crash test (che abbiamo anche inserito in un post e che si trovano su youtube) su cosa accade ai bambini non legati durante un impatto a 50 km/h. Ogni volta che vedo auto che trasportano bambini senza seggiolini mi vengono i brividi… Per non parlare di quando incrocio auto con adulti seduti di fianco al posto di guida con bambino in braccio. La più ecltante, e più recente, l’ho vista in tangenziale a Bologna: nonno alla guida e nonna con in braccio un bimbo posizionata di fianco. Certo che se ci fosse un po’ più di controllo male non farebbe. Lo sappiamo come siamo noi Italiani…. Grazie per il tuo commento!

Scrivi un commento