Da 26 marzo 2013 0 commenti Leggi tutto →

Bambini: la dieta giusta per difendersi dall’influenza

ADV

Secondo i dati pubblicati dal Ministero della Sanità gli italiani colpiti da influenza questo inverno 2012-2013 sono stati 4 milioni e mezzo, in molti casi con sindromi gastroenteriche e i più colpiti sono come sempre i bambini! Una buona alimentazione può aiutare nella difesa contro i virus influenzali?

Lo risposta dello studio dell’Osservatorio Nutrizionale Grana Padano è affermativa.

Lo studio ha analizzato le abitudini alimentari di circa 6.000 individui valutando tre fasce d’età (1-4 anni, 5-14 e 15-64 anni), e rivela che le abitudini alimentari dei più piccoli differiscono molto dalle abitudini alimentari dei ragazzi più grandi e degli adulti.

La fascia più colpita dall’influenza è quella dei bambini più piccoli (più di 22 casi su mille), ma lo studio riferisce che i bambini da 1 a 4 anni mangiano poca verdura ed introducono basse quantità di micronutrienti, i quali potrebbero servire a migliorare l’azione antiinfiammatoria e ad aumentare le difese immunitarie.

Circa il 70% degli intervistati consuma agrumi nel periodo invernale, ma tra 1 e 4 anni la quantità giornaliera introdotta è significativamente più bassa rispetto alle altre fasce d’età. La stessa osservazione vale per quasi tutta la frutta e per la verdura. La quantità giornaliera aumenta con l’aumentare dell’età, passando quasi al doppio in età compresa fra 15-64 anni.

Volete degli esempi? Cavolfiore, cavoli, broccoli, verza e pomodori, ma anche le più innocue carote!

Lo stesso dicasi per le vitamine (acido ascorbico, acido folico), per molte sostanze considerate ad azione antiinfiammatoria (liopene, betacarotene, polifenoli, flavonoidi) e anche per lo zinco.

Secondo lo studio dell’Osservatorio non si può affermare con assoluta certezza che i bambini si ammalano di più a causa delle carenze di frutta, verdura e altri nutrienti rispetto agli adulti ma di sicuro è importante sensibilizzare i genitori a seguire le indicazioni di una dieta sana e bilanciata, fin dall’infanzia.

Ecco i consigli degli esperti dell’Osservatorio Nutrizionale Grana Padano per prevenire l’influenza e combattere i sintomi del tratto gastroenterico:

Prevenzione dell’influenza:

  1. Tre porzioni di frutta di stagione al giorno (di cui una porzione sotto forma di spremuta di agrumi freschi e kiwi entrambi ricchi di vitamina C).
  2. Due porzioni di verdura tutti i giorni (in aggiunta ad un sugo di pomodoro, condito con olio d’oliva a crudo).
  3. Due porzioni di latticini al giorno, di cui una porzione di yogurt o latte fermentato, formaggio stagionato grattugiato o a scaglie 10/20g al giorno.
  4. Variare l’alimentazione rispettando sia  la percentuale di macronutrienti (carboidrati 55-60%, proteine 10-15% e lipidi 25-30%) rispettando la frequenza settimanale dei secondi piatti (pesce almeno tre volte alla settimana e 3 porzioni di legumi)
  5. Sottoporsi ala vaccinazione antiinfluenzale se si appartiene  alle categorie a rischio a cui viene consigliata.

Prevenzione dell’influenza con sintomi gastrointestinali:

  1. Bere almeno due litri di liquidi al giorno (acqua, the leggero, camomilla, tisane o infusi d’orzo). Per dolcificare le bevande si possono utilizzare piccole quantità di miele oppure maltodestrine.
  2. Preferire riso, in sostituzione della pasta, cotto nella propria acqua e condito con un cucchiaio di formaggio stagionato grattugiato.
  3. Limitare o evitare l’uso di latticini freschi.
  4. Limitare la verdura, la frutta e in particolare i succhi di frutta. Tra la frutta, è consigliato il consumo di limone spremuto, agrumi e mele.
  5. Assumere quotidianamente una dose di fermenti lattici, o yogurt parzialmente scremato al naturale.

Scrivi un commento