Da 17 marzo 2009 2 Commenti Leggi tutto →

Bambini: paura dell’estraneo

ADV

Fino a qualche giorno fa la mia bimba di 14 mesi andava in braccio a tutti senza timore, sorrideva e interagiva con chiunque incrociasse il suo sguardo. Ora è spaventata dalle attenzioni delle persone che incontra, il suo viso esprime timore ed a volte scoppia in un pianto a dirotto rifiutandosi di separarsi da me per andare in braccio “all’estraneo”.

Accade che la vicina di casa con la quale ci si incontra fuori dal cancello di casa, il collega di lavoro incontrato per strada e soprattutto l’amica che è solita vedere ed in braccio alla quale è già stata in passato la spaventano. Non vi nego che queste situazioni a volte mi creano imbarazzo. Mi sembra di offendere la persona che ho di fronte.

Il pediatra mi ha spiegato che il processo di crescita di ogni bimbo prevede che più o meno a partire dai 7/8 mesi si manifesta quella che comunemente viene definita la “paura dell’estraneo”. Dunque il pianto rappresenta in questo caso la richiesta di aiuto da parte della piccola.

La “paura dell’estraneo” scompare autonomamente con il passare dei mesi ma bisognerà stare attenti anche quando arriverà il momento di inserire la mia dolce peste in un asilo nido o di affidarla ad un tata. Infatti il “periodo di adattamento” suggerito in tutti e due i casi serve alla piccola proprio per prendere confidenza con le persone che si devono occupare di lei e superare la paura che l’assenza della mamma comporta. Un decina di giorni di compresenza in casa con la tata ed una settimana di prolungato accompagnamento nella classe dell’asilo nido bastano, il più delle volte, a trasmettere la serenità necessaria per affrontare il distacco.

E sì che con il mio primo bimbo non ho avuto di questi problemi…lui è sempre andato in braccio a tutti.
Speriamo che questa fase passi in fretta!

2 Comments on "Bambini: paura dell’estraneo"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Paola scrive:

    bhè..barba e baffi…posso capirla! Ricordo che facevano paura anche a me;-)

    Mi tocca allora aspettare ancora un po’….spero che si risolva prima;-))

  2. maci03 scrive:

    Mia figlia lo faceva con le persone con tanti capelli e barba e baffi… con uno zio di mia cugina e con un amico…. si terrorizzava proprio quando li vedeva ed iniziava a piangere…. loro ci restavano male… ed io pure un pochino…. però nn è una cattiveria voluta… è una paura reale… intorno ai 3 anni è sparita del tutto…

Scrivi un commento