Bambini più sereni, se allattati al seno!

ADV

Abbiamo tante volte sottolineato i benefici dell’allattamento al seno, un nuovo studio aggiunge un altro merito sulla lunga lista: allattare i bambini al seno li fa crescere più sereni: questo è quanto emerge da uno studio britannico della Oxford University pubblicato su Archives of Disease in Childhood, e soprattutto se allattati al seno per almeno i primi quattro mesi di vita. Il bambino godrebbe del privilegio di minor rischio di avere disturbi di ansia e iperattività.

Lo studio condotto da Maria Quigley del National Perinatal Epidemiology Unit della Oxford University su 9.500 mamme e i loro bambini nati tra il 2000 e il 2001. I risultati emersi, elaborati dai questionari compilati dai genitori per valutare il comportamento dei bambini fino a cinque anni, hanno rivelato che il 16% dei bambini allattati artificialmente erano più ansiosi, iperattivi e con maggiore tendenza a raccontare bugie. Più del doppio rispetto ai bambini allattati al seno.

Non è chiaro di cosa è carente il latte artificiale rispetto a quello materno tanto da rendere quest’ultimo l’ ingrediente per una poppata tutto relax o sarà invece il contatto ravvicinato con la mamma a far sì che i bambini allattati al seno crescano più sereni ? Qual è la vostra esperienza, secondo voi è uno studio attendibile?

Fonte: asca

1 Comment on "Bambini più sereni, se allattati al seno!"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. sandra scrive:

    Ecco un nuovo mito da sfatare…allora io posso definirmi l’eccezione che conferma la regola o una testimone di falsità di questa ricerca!?! Non sono stata allattata al seno per problemi di intolleranza al latte materno, mi è toccato il supplizio del latte di soya (che ora si è scoperto essere fonte di istamina quindi particolarmente inadatto agli allergici), del latte di capra e del latte di riso. Sono sicuramente più serena, tranquilla, mammona e molto più quieta rispetto a mia sorella che è stata sempre allattata al seno da mia madre, con la quale ha cattivi rapporti…c’è qualcosa di sbagliato nella ricerca o nella mia famiglia??!?!?!

Scrivi un commento