Bebè in auto e sicurezza: i crash test

ADV

La sicurezza dei bambini in auto è importantissima, a parole lo sappiamo tutti.  Credo che la maggior parte di noi si preoccupi di assicurare i piccoli a seggiolini o adattatori, soprattutto per i tragitti lunghi. Quello che non dobbiamo mai dimenticare, lo abbiamo già ripetuto e non ci stancheremo di ripeterlo ancora, è che le norme di sicurezza per i bambini, così come per noi, devono essere applicate sempre, anche per tragitti brevi e in città.

Il post di oggi non avrà molte parole. Oggi vi proponiamo dei video magari un po’ duri, ma coi quali è bene fare i conti se in fondo in fondo pensiamo che per pochi metri si possano tenere in braccio i bambini. Sono le riprese dei crash test.

Ecco cosa accade a una mamma con in braccio il piccolo quando si ha un impatto frontale. In questo caso la cintura della madre non è sufficiente. La mamma si salva e il piccolo viene sbalzato in avanti.

Qui invece mamma e bimbo non hanno neanche la cintura. Capita ancora di vedere , purtroppo, persone che viaggiano così.

Anche i passeggeri che viaggiano nei sedili posteriori non sono al sicuro senza cinture e senza essere assicurati al seggiolino. Per i bambini l’impatto potrebbe essere pericoloso al punto tale da sbalzarli fuori dal parabrezza.

Impressionante, vero? Mi raccomando prestate sempre tanta attenzione a come viaggiano i vostri figli!!

3 Comments on "Bebè in auto e sicurezza: i crash test"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Paolo scrive:

    La cosa preoccupante è che se ne parli. Questo argomento non dovrebbe nemmeno esser messo in discussione! Chi non assicura i propri figli in auto è semplicemente un inresponsabile. Meglio un pianto di un bimbo che non vuol essere allacciato al seggiolino che un pianto di un genitore…. Meditate gente meditate.

  2. Odette Favini scrive:

    Sono contenta di leggere con regolarità questo genere di notizie.
    Le persone che mi conoscono pensano che io sia esagerata, nell’assicurare sempre al seggiolino in auto nostro figlio Adriano, e mettere io stessa la cintura di sicurezza ancor prima di accendere l’auto.
    Per il mio essere intransigente su questa regola vengo addirittura presa in giro!
    Per molti è più facile pensare, “cosa vuoi che accada”, piuttosto che, allacciare la cintura e fare lo stesso con coloro a cui vogliamo bene. Cosa che costa quanto, un minuto del nostro tempo?
    Conoscenti, amiche o mamme del corso pre-parto, che per brevi tragitti, tengono i propri figli in braccio.
    Spesso mi capita di vedere queste scene fuori dal bar dove facciamo colazione, mamme che quando salgono in macchina, permettono ai nonni di tenere i nipoti in braccio, sempre, a sentir loro, per brevi tragitti…
    E l’esagerata sono io, come sempre!
    Difatti, come si può ben immaginare, incontro grosse difficoltà nel diffondere quelle che dovrebbero essere “buone abitudini”.
    Ma basta veramente una volta… E come ho già detto in precedenti commenti, bisogna tener conto di un aspetto importante: gli incidenti spesso capitano per colpa degli altri.
    Per questo, quando salgo in macchina, la sicurezza di chi viaggia con me, e la mia, sono la prima cosa.
    Non voglio credere, che il bene di chi amiamo, debba venir meno, davanti ad esempio, ad una difficoltà del bambino a restare in auto.
    E’ ridicolo, che si arrivi a sorvolare l’importanza di chi abbiamo dato alla luce, solo per evitare che pianga in auto, o perché non gli piace essere legato ad un seggiolino.
    E’ questione di abitudine!
    Lo sappiamo tutti, i bambini sono abitudinari, perciò ogni volta che saliamo in auto, allacciamo loro, e mettiamo anche noi la cintura (dopotutto siamo noi, come in tutto, a dover dare per primi l’esempio).
    I pianti ci saranno comunque, è vero, ma sta a noi riuscire a sopportare fino a quando, passato il momento, il bambino si abituerà alla regolarità e non farà più storie.
    Continuiamo a diffondere questa informazione, la sicurezza in auto è importante, assicuriamo sempre i nostri figli ai seggiolini, allacciamo tutti le cinture!
    Un saluto.
    Odette.

    • LaLucy scrive:

      Hai ragione, cara Odette! Secondo me il problema è proprio relativo al fatto che non pensiamo alle conseguenze. E in più se non siamo noi per primi a dare il buon esempio, i nostri figli non capiranno mai perchè devono seguire certe regole! Continua a seguirci! ciao

Scrivi un commento