Da 11 maggio 2010 0 commenti Leggi tutto →

Calcolo dei giorni fertili

ADV

Ci sono vari modi per riconoscere i giorni fertili di ognuna di noi e i segnali che si sta avvicinando l’ovulazione,  sarà tanto più facile quando più avrete confidenza con il vostro ciclo mestruale. Vediamo insieme quali sono i metodi più comuni.

Picco dell’LH viene misurato dal kit di ovulazione, venduto in farmacia. Se aspettate di vedere apparire quella linea sul bastoncino prima di avere rapporti, sarete molto vicine all’ovulazione e potreste non avere tempo a sufficienza perché lo spermatozoo arrivi all’ovulo e lo fecondi.

Gli esami possono anche produrre un falso-positivo nelle donne che soffrono di problemi ormonali come la sindrome dell’ovaio policistico.

Temperatura basale (BBT). Il progesterone alza la temperatura corporea di circa 0,2°C dopo l’ovulazione e la mantiene fino all’inizio del ciclo successivo. , ma nel momento in cui la temperatura si alza l’ovulazione potrebbe già aver avuto luogo, dunque questo fattore non è di aiuto per programmare rapporti finalizzati al concepimento. Ci sono altri fattori che incidono sulla temperatura, come lo stress o una notte insonne.

Secrezioni cervicali. E’ il metodo più utile per determinare la fertilità. Aspetto e consistenza del muco cervicale variano durante il ciclo: acquisire dimestichezza con questi cambiamenti.

Mentre il calcolo dei giorni fertili è semplicissimo. Basta annotare la lunghezza di sei cicli. Sottraete 20 giorni dal valore del ciclo più corto e 10 giorni da quello più lungo. Se i risultati sono, per esempio, 6 e 21, vuol dire che siete potenzialmente fertili tra il sesto e il ventunesimo giorno.

Provate e fatemi sapere se funziona 😉

Immagini:
fwhc.org
babychoice.com
farmamica.com

Scrivi un commento