Cattiva mamma, troppo protettiva! Rischia il carcere

ADV

L’istinto di protezione per i propri figli è naturale, li proteggiamo quando sono piccoli e spesso è difficile smettere anche quando sono grandi e capaci di farlo da soli. Ma attenzione troppo ansia, troppa apprensione, troppa protezione può essere un danno per un figlio!
E addirittura, come nella storia che sto per raccontarvi scatta la condanna al carcere. Una mamma di Ferrara, è stata condannata in via definitiva dalla Cassazione a un anno e 4 mesi di reclusione per aver allevato il figlio lontano dal mondo, letteralmente: il piccolo nato nel 1997 è rimastochiuso tra le mura domestiche fino al 2004.

Per la Suprema Corte “troppe cure e eccessive attenzioni” verso il proprio figlio possono rallentare lo sviluppo psicofisico. Una mamma chioccia eccessiva che ha tenuto il figlio lontano dall’asilo, dagli altri bambini, dal genitore separato. Nell’accusa l’iperprotezione e l’ipercura  costituiscono comunque un reato di maltrattamento. La  mamma condannata insieme al nonno, si difendono dall’accusa perché  le attenzioni verso il bambino non possono essere definite una violenza.

Per altro il ragazzino stava bene e non si era mai sentito una “vittima”, tuttavia non aveva imparato a camminare bene e il suo primo contatto con il mondo è avvenuto a sei anni quando ha cominciato le elementari. Negato anche ogni contatto con il padre separato, persino il cognome paterno era stato eliminato, il bambino portava il cognome della madre. Mamma e nonno sono stati richiamati più volte ad una educazione normale non solo dal padre, che ha fatto la denuncia, ma anche dalle maestre, gli assistenti sociali, gli esperti dello sviluppo, ma hanno continuato finchè il caso non è finito nelle mani della legge.

Il dott.Francesco Montecchi, neuropsichiatra infantile si esprime sul caso: “è una grave forma di abuso sui bambini, di cui si parla ancora poco ma che determina conseguenze molto serie per lo sviluppo psico-fisico dei piccoli. Molti di questi bambini, infatti, sviluppano forme di psicosi gravi crescendo, e sono completamente disadattati”. E voi mamme, che ne pensate?

Scrivi un commento