Cellulite in gravidanza, impossibile evitarla

ADV

Cellulite in gravidanza: perché, cosa fare

Non esiste gravidanza senza cellulite: succede anche alle bellissime, perché è un fatto fisiologico, quindi non angosciatevi troppo. È normale che venga e altrettanto possibile farla andare via dopo il parto. Ripassiamo come.

La gravidanza è una gioia sul davanti, un disastro sul di dietro: usiamo un po’ di ironia per dire che tanto ci piace il pancione, quanto non vorremmo vedere l’antipatico effetto buccia d’arancia su gambe e glutei.

Se fosse solo questo il problema… con tutti quelli che possono succedere, sarebbe trascurabile, no? Perché è vero che la cellulite aumenta parecchio in gravidanza, ma poi con i giusti accorgimenti torna a livelli accettabili.

Perché proprio la cellulite?

Il perché non è difficile da immaginare: sapete che la cellulite è un problema solo femminile ed è legato a una cattiva circolazione sanguigna, alla presenza di ormoni, a ritenzione idrica.

Figuriamoci cosa succede in gravidanza: la tempesta ormonale, il peso che aumenta, ma anche l’aumentato volume di sangue nelle vene, una maggiore ritenzione idrica, sono tutti fattori che agiscono negativamente sulla circolazione, e così ecco veder crescere ogni giorno di più la cellulite… Non scampa nessuna, nemmeno le più belle, come potrete leggere dai commenti impietosi dei rotocalchi di gossip (ne faremmo volentieri a meno!).

Cellulite, a noi due!

Contrastare la cellulite nonostante la gravidanza è possibile, ma richiede un po’ di impegno a diversi livelli. Ecco su cosa puntare:

  • dieta alimentare corretta: pochi sali, tanta acqua, quindi via a frutta e verdura, carni alla griglia, pesce (fa bene anche per assumere gli Omega3, utili a supportare la memoria ballerina della gravidanza), e bando a condimenti pesanti, fritti e formaggi grassi;
  • stile di vita sano: un po’ di movimento durante la settimana, una camminatina al giorno sarebbe ottimale (se avete un cane, approfittatene), come pure lo yoga e, soprattutto, la piscina;
  • no alle cattive abitudini: prima fra tutte, non fumate (in gravidanza è fortemente sconsigliato per mille buoni motivi), non accavallate le gambe, non portate tacchi troppo alti (ricordate la raffica di critiche a Victoria Beckham per le sue zeppe vertiginose portate perfino al quarto pancione?), e nemmeno scarpe troppo basse. Sono tutte abitudini che rallentano ulteriormente la circolazione.

Questi sono consigli per una vita sana, utili in generale da seguire anche per chi non è incinta, o per chi non lo è più.

Massaggi sì, prodotti no

Se oltre a seguire i consigli che vi abbiamo dato (brave!), volete anche fare qualcos’altro, preferite i messaggi all’uso di prodotti cosmetici anticellulite.

Informandovi presso il centro estetico che vi è più comodo, scoprirete che esistono dei massaggi specifici da effettuare proprio in gravidanza, anche se di solito sono consigliati dopo il terzo mese. Sono molto leggeri, ma aiutano la circolazione: quando avete finito, dovreste sentirvi più leggere.

I prodotti cosmetici anticellulite, invece, è meglio usarli dopo il parto, forse addirittura dopo l’allattamento (chiedete sempre al medico), perché le sostanze che contengono potrebbero arrivare al feto, danneggiandolo.

 

Fonte immagine: www.tuttomamma.com

Postato in: Gravidanza e Parto

Scrivi un commento