Da 26 luglio 2017 Articolo con sponsor 0 commenti Leggi tutto →

Che cosa è la pelle d’agnello per i neonati e a cosa serve

bimbo su pelle d'agnello

A qualcuno sarà capitato in estate di vedere bambini addormentati su passeggini con la pelle d’agnello al posto della fodera in spugna. Qualche mamma si sarà chiesta il perchè di un rivestimento del genere. La pelle d’agnello, un vello che ricorda la pelliccia, può sembrarci adeguata in inverno, ma in estate risulta quanto meno strana.

Suderanno i bambini a contatto con questo rivestimento? Perchè lo si usa anche in estate, quali sono le sue caratteristiche e le sue proprietà?

Le caratteristiche della pelle d’agnello

La pelle d’agnello è un vero e proprio vello che fin dall’antichità è stato utilizzato come involucro per i neonati. Sono tantissime, infatti, le sue caratteristiche, vediamole insieme.

  • È naturale: se acquistata nei negozi specifici e non sbiancata è priva di residui chimici
  • È morbidissima ed estremamente comoda
  • In inverno offre calore al piccolo, restituendogli il calore corporeo e offrendogli un’accoglienza simile a quello del grembo materno
  • In estate permette ai bebè di non sudare, perchè la sua lana ha un forte potere assorbente e termoregolatore. Il bebè a contatto con la pelle d’agnello non rimane sudato.
  • Assorbe gli odori, anche quello della mamma, creando un ambiente accogliente e familiare per il piccolo

bimbo su pelle d'agnello

In estate la pelle d’agnello si può usare? I bambini non sudano?

Se è facile pensare alla pelle d’agnello come un’ottima soluzione per tenere al caldo i piccoli, è vero che in estate i bambini non sudano a contatto? I siti che vendono la pelle d’agnello affermano di sì, ma come in ogni caso la testimonianza delle mamme è fondamentale.

E sono tante le mamme che raccontano nei diversi gruppi su Facebook la propria testimonianza positiva: il vello d’agnello serve a non farli sudare, in ogni modo lo si utilizzi: nella carrozzina, nel lettino, come fodera del passeggino o del seggiolino auto.

Come si pulisce il vello d’agnello?

Nelle pelli d’agnello non trattate chimicamente, la concentrazione di lanolina è elevata al punto tale da renderle autopulenti e antibatteriche. Per mantenere così la pelle, l’ideale sarebbe lavarla il meno possibile. Potrebbe essere sufficiente sbatterla, spazzolarla e lasciarla al sole.

Scrivi un commento

I dati che ti chiediamo di inserire nel form ci servono per identificarti e poter rispondere al tuo messaggio. Compilando i dati e inviando il form, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali che verranno trattati in modo conforme a quanto definisce il Regolamento UE 2016/679. Trovi l’indicazione del Titolare del trattamento e l’informativa completa a questo indirizzo: www.blogmamma.it/policy-sui-cookies/