Da 27 febbraio 2010 0 commenti Leggi tutto →

Cibi da evitare in gravidanza: l’insalata “già lavata” è sicura?

ADV

Partendo dal presupposto che, secondo me, la verdura va acquistata, possibilmente, direttamente dal contadino per una questione di qualità, si mangerebbe solo verdura di stagione, fresca e magari appena raccolta e anche per il suo prezzo che sarà sicuramente modico rispetto a qualsiasi fruttivendolo, e di questi tempi non guasta. 😉

Naturalmente, per le mamme che risultano negative al toxotest, è bene lasciare la verdura in ammollo per una ventina di minuti in acqua e bicarbonato o, se preferite, un disinfettante di quelli in commercio, per poi sciacquarla bene prima di consumarla.

Aperta e chiusa parentesi, oggi valutiamo se l’insalata “già lavata” è sicura in gravidanza.

Molto spesso durante la gravidanza (e non…) non si ha voglia di passare molto tempo in cucina, e quindi si apprezza veramente la praticità delle verdure prelavate che però bisogna scegliere con attenzione in quanto il pericolo maggiore può essere quello di trovarvi dei microbi nocivi non solo se si è in gravidanza. Normalmente le tecniche utilizzate dalle aziende più serie e il rispetto delle temperature di conservazione valgono ad annullare questo rischio.

Ma vediamo insieme cosa osservare al momento della scelta per avere la massima sicurezza.

Controllare che le confezioni siano conservate in banchi refrigerati. Scartare i sacchetti con condensa all’interno e verificare sempre la data di scadenza.

Accertarsi che non ci siano foglie annerite, in quanto l’annerimento indica alterazione, mentre la colorazione rossastra che prendono i punti di taglio è dovuta a un normale fenomeno di “imbrunimento”, anche se non deve essere eccessiva.

Evitare le confezioni che in etichetta consigliano di “lavare il prodotto prima dell’uso”. Può trattarsi di uno stratagemma per declinare eventuali responsabilità rispetto a carenze igieniche. In realtà, le aziende migliori scrivono proprio il contrario: “non c’è bisogno di lavare il prodotto”.

Immagini:
greenme.it
quirisparmio.net
kalexiko.com

Scrivi un commento