Coding e bambini: a Milano e Roma i videogiochi se li fanno da soli

ADV

Coding e bambini

La tecnologia fa parte delle nostre vite, diventa importante non solo saperla usare ma anche farla ecco perché il binomio coding e bambini è sempre più diffuso.

Oggi saper programmare è diventato importante come saper leggere e scrivere perché lo studio della programmazione è una formidabile palestra di logica, un po’ come lo è lo studio del latino.

Il coding guida i bambini lungo un percorso complesso che necessita di fasi interrelate: analisi, scomposizione dei problemi, verifica dei risultati, organizzazione del pensione.

Imparare a programmare un computer non permette solo di acquisire una competenza che può e potrà essere spendibile sul mercato del lavoro, nel caso dei bambini ma rappresenta soprattutto l’opportunità di avvicinarsi all’universo digitale in maniera più consapevole, conoscendone logiche e dinamiche, per questo coding e bambini vanno così d’accordo.

Coding e bambini: i corsi

Codemotion è la più grande conferenza tecnica, in Italia e Spagna e una delle più grandi in Europa, con un network internazionale di 30.000 developer e oltre 300 speaker da tutto il mondo e tutte le principali realtà IT (Microsoft, Google, Oracle, Facebook, IBM, Samsung e molte altre). 

In Italia in particolare a Roma e a Milano hanno avviato Codemotion Kids, la scuola di codice e robotica per bambini per trasmettere le basi della programmazione.

Nei corsi insegnano a creare con la tecnologia ma soprattutto con il divertimento, stimolando la creatività, la logica, l’autonomia ma anche la capacità di raggiungere un obiettivo e lavorare in team.

Il coding sviluppa nei bambini logica e creatività.

Frequentando un corso di robotica i bambini potranno costruire il loro primo prototipo di robot oppure il loro videogioco.

Per tutte le informazioni visitate il sito

 

Articoli consigliati

Scrivi un commento