Da 10 marzo 2016 Articolo con sponsor 0 commenti Leggi tutto →

Come cucinare i tortellini in poco tempo

ADV

tortellini fini #nonsolobuono

Come viene prodotto un tortellino? Come cucinarlo senza in poco tempo e con poca fatica? Abbiamo visitato lo stabilimento Fini e imparato tantissimo.

Ho passato un’intera giornata alla scoperta dei tortellini. Sono appassionata di cucina, e amo visitare le aziende che hanno una storia da raccontare. Fini è una di queste. Completamente italiano, il gruppo Fini ci aveva già invitati a vedere come l’amarena brusca di Modena Igp si trasforma in marmellata. Questa volta siamo tornati a Ravarino a vedere come vengono prodotti i tortellini e ad ammirare il nuovo modernissimo stabilimento.

La nostra giornata all’insegna del tortellino non poteva che partire dalla tradizione. Fini è un’azienda che non solo si fregia di essere italiana, ma che fa dell’emilianità una bandiera. Il tortellino nasce dal genio di un oste emiliano che si lascia ispirare dall’ombelico di una bella donna. E noi da questa storia partiamo. Il monumento al tortellino di Castelfranco Emilia, poco lontano dagli stabilimenti Fini, racchiude tutta l’essenza di questa terra orgogliosamente legata a quel piccolo intreccio di pasta ripiena.

tortellini fini #nonsolobuono

Come nascono i tortellini? La visita allo stabilimento

Ogni settimana  nello stabilimento di Ravarino vengono prodotte  fino a 150 tonnellate di tortellini. Un bel numero, non c’è che dire! Durante la visita allo stabilimento abbiamo potuto capire non solo come vengono fatti i tortellini (le foto e il video che vedete sono più chiare delle mie parole) ma anche e soprattutto cosa contengono.

tortellini fini #nonsolobuono

Seguendo la nuova filosofia aziendale del #nonsolobuono, dettata dal fatto che oggi non basta più che un prodotto sia buono, ma deve essere sano e di qualità, abbiamo osservato preparare il ripieno dei tortellini, tirare la sfoglia, annodare la pasta. Abbiamo visto il passaggio la pastorizzazione (che permette ai tortellini di conservarsi per giorni) e il confezionamento.

tortellini fini #nonsolobuono

tortellini fini #nonsolobuono

tortellini fini #nonsolobuono

Cosa ho imparato? Ecco riassunte in punti le scoperte più interessanti:

  • le farine utilizzate sono tutte italiane: emiliana la farina e pugliese la semola
  • tutti i preparati Fini sono privi di margarina e di olio di palma
  • per scelta l’azienda non cuoce direttamente la carne in cucina: tutti i preparati cotti sono acquistati da fornitori che li preparano su ricetta Fini
  • da un anno a questa parte l’azienda sta progressivamente procedendo nel sostituire gli aromi artificiali con quelli naturali.
  • i controlli sono maniacali. I controlli esterni sono numerosissimi e il rischio per una grande azienda è che venga interrotta la produzione. Di conseguenza tutto deve sempre rispettare gli standard di qualità e sicurezza richiesti (in questo senso è più facile che siano sicuri i prodotti industriali che non quelli del piccolo artigiano)

tortellini fini #nonsolobuono

Come cuocere i tortellini in cinque minuti

La seconda parte del nostro tortellino day ci ha permesso non solo di vedere come sono fatti i tortellini, ma anche (cosa molto importante per noi mamme) come cucinarli in maniera veloce e gustosa.

tortellini fini #nonsolobuono

Protagonisti dello show cooking sono stati i nuovi arrivati nella famiglia delle paste fresche Fini: i tortellini, i tortelloni, i ravioli e gli gnocchi della linea Gusto e Benessere, pensata per rendere più leggeri e più sani tortellini & Co.

Come cuocere quindi i tortellini (ma anche tortelloni e gnocchi) in poco tempo?

tortellini fini #nonsolobuono

Dato che questo tipo di pasta, attraverso il processo di pastorizzazione, viene precotta, basterà ridurre i tempi di cottura, saltando la fase in acqua bollente. Ecco i passaggi:

  • versate i tortellini in una padella antiaderente con un bicchiere d’acqua
  • coprite la padella con un coperchio e fate cuocere per circa un minuto
  • scoperchiate e mescolate, aggiungendo un filo d’olio e del parmigiano grattugiato
  • aggiungete a piacimento un pizzico di erbette aromatiche o dei pomodorini secchi a pezzettini
  • mescolate, i tortellini sono pronti

Questo è il procedimento base, che vi permetterà di portare in tavola un piatto di pasta in cinque minuti. Poi potreste creare un sugo in padella (con pomodorini o verdure saltate, o con la salsa di pomodoro a cui aggiungere un po’ di ricotta, o ancora con il classico ragù) e far cuocere la pasta direttamente dentro al sugo.


Un pacchetto di tortellini in frigorifero può salvare molti pranzi di figli adolescenti che tornano affamati a casa da scuola o molte cene in cui si arriva a sera troppo stanche per stare ai fornelli per più di dieci minuti. Nel mio frigo da adesso in avanti non mancheranno mai…

tortellini fini #nonsolobuono

Scrivi un commento