Come riconoscere le perdite da impianto

Perdite_da_impianto
Le perdite da impianto spesso vengono confuse con lo spotting mestruale. Si tratta infatti apparentemente di perdite di sangue ma in realtà la loro natura è ben diversa e ha origini completamente differenti.
Vediamo insieme come riconoscerle e distinguerle.

Caratteristiche delle perdite da impianto

Le perdite da impianto sono causate dall’annidamento dell’embrione nell’utero. Si manifestano generalmente con delle piccole gocce di sangue di colore scuro. Spesso di colore rosa/marrone. Il colore scuro è causato dal processo di ossidazione del sangue provocato dalla rottura dei piccoli capillari sulla parete dell’utero nel momento in cui si verifica l’annidamento dell’ovulo.

Il colore delle perdite è molto importante. Più le perdite da impianto sono chiare e più l’impianto è recente. Inoltre un’altra caratteristica che distingue questo tipo di perdite è il loro carattere viscoso perché contengono anche muco vaginale.

Caratteristiche dello spotting

Le perdite da impianto talvolta vengono confuse con lo spotting premestruale. Quelle piccole perdite di sangue che possono verificarsi tra un ciclo mestruale e un altro. Lo spotting premestruale si caratterizza per il colore rosso intenso e una particolare densità a causa dei coaguli di sangue nel flusso.

Durata

Le perdite da impianto si presentano intorno ai primi dieci giorni dal concepimento, quindi in anticipo di circa due settimane rispetto alle mestruazioni.

È importante monitorare la durata delle gocce di sangue perché se il colore diventa sempre più scuro e il flusso non diminuisce probabilmente sono arrivate le mestruazioni.

Sintomi

Lo perdite da impianto fanno parte dei sintomi della gravidanza .

Possono accompagnarsi anche ad altre sintomatologie tipiche del periodo mestruale come la tensione mammaria e il gonfiore addominale.

Queste perdite non devono destare preoccupazione nella futura mamma.

Ma rivolgersi al proprio ginecologo può essere la soluzione migliore per essere non solo rassicurate ma soprattutto assistite e seguite per tutti i nove mesi.

Articoli consigliati

Scrivi un commento