Da 16 luglio 2009 4 Commenti Leggi tutto →

Concepimento: consigli per avere un figlio

ADV

Finalmente è arrivato il momento e la decisione di avere un figlio è stata presa. Il desiderio di maternità ha avuto la meglio sulla ragione e così ora non stai più nella pelle… ed allora ecco alcuni consigli per mettere in cantiere un bebè.

Il primo passo da intraprendere in vista di una gravidanza è quello di programmare una visita di controllo e un colloquio con il ginecologo di fiducia per fare il punto della situazione, verificare le proprie condizioni fisiche, chiarire dubbi e aspettative. Inoltre una semplice ecografia pelvica può evidenziare eventuali ostacoli al concepimento, come un fibroma di grosse dimensioni o una seria malformazione all’utero.

E’ buona norma per una donna in sovrappeso, in vista della gravidanza, di correggere le proprie abitudini alimentari adottando un regime più bilanciato. Naturalmente sono da evitare le diete troppo drastiche, che impoveriscono l’organismo delle sostanze di cui avrà bisogno durante l’attesa.

Che il fumo in gravidanza faccia male sia alla mamma sia al nascituro, è risaputo e ne abbiamo parlato qualche tempo fa, ed è per questo che è necessario non aspettare l’inizio della gravidanza per smettere di fumare, ma è necessario farlo nel momento in cui si decide di provare ad avere un figlio, perché il fumo altera la produzione di ormoni estrogeni e riduce la fertilità femminile, allungando i tempi di attesa prima del concepimento.

Gli esami raccomandati in fase preconcezionale dal ministero della Salute e offerti gratuitamente dal Servizio Sanitario Nazionale comprendono analisi del sangue per stabilire l’eventuale vulnerabilità alla toxoplasmosi e alla rosolia. A questi può essere aggiunto un test per la ricerca degli anticorpi alla varicella, se la futura mamma non ricorda di averla avuta. Purtroppo non esiste un vaccino per la toxoplasmosi ma per prevenire rosolia e varicella esistono vaccini molto efficaci ed è consigliabile che in vista di una gravidanza siano somministrate a tutte le donne che non ne risultino immuni. Ma trattandosi di prodotti che contengono virus vivi e che potrebbero innescare un’infezione nell’organismo della donna, è consigliabile di effettuare la vaccinazione almeno un mese prima del tentativo di concepimento.

Se l’aspirante mamma soffre di patologie croniche come il diabete o l’ipertensione, è necessario che ne discuta con il proprio medico di famiglia o lo specialista che la segue, prima di cercare una gravidanza in quanto possono affrontare con tutta serenità l’attesa di un bambino a patto di essere adeguatamente controllate e curate durante i 9 mesi programmando terapie adeguate. Infatti la terapia che seguono normalmente dovrà essere modificata e calibrata secondo le indicazioni del ginecologo, scegliendo farmaci innocui per il piccolo che nascerà.

E’ bene iniziare ad assumere l’acido folico non appena si comincia a cercare una gravidanza in quanto l’assunzione di acido folico a partire da almeno tre mesi prima del concepimento fino al termine del primo trimestre di gravidanza riduce l’incidenza di malformazioni del tubo neurale, come la spina bifida e il labbro leporino.

Un passo indispensabile per chi intende avere un figlio è quello di interrompere l’assunzione della pillola anticoncezionale in quanto nei primi mesi dopo la sospensione della pillola possono manifestarsi alcune irregolarità mestruali che ritarderebbero naturalmente il regolare processo di concepimento.

A questo punto è bene cominciare a tenere sotto controllo l’ovulazione e una tecnica molto efficace, che non comporta la necessità di fare conti e si adatta a qualunque donna fertile, è il metodo del muco cervicale. Si basa sul fatto che sull’approssimarsi dell’ovulazione avvengono delle modificazioni nella secrezione del muco cervicale che culminano nella rilevazione di una caratteristica sensazione di lubrificazione. A questo punto si consiglia di interrompere i rapporti sessuali alla prima comparsa del sintomo del muco e astenersi fono a quando si avverte la lubrificazione. In questo modo, oltre ad individuare il cosiddetto giorno di più alta fertilità, si garantisce anche una maggiore fertilità del seme maschile perché due o tre giorni di astinenza dai rapporti consentono agli spermatozoi di raggiungere la densità ottimale.

Oggi, per ragioni soprattutto di natura economica e sociale, le donne tendono a rimandare la prima gravidanza il più a lungo possibile e quando il desiderio e le condizioni si fanno vivi, magari la gravidanza comincia a farsi attendere. Dunque l’ultimo consiglio è quello di non allarmarsi se i primi tentativi vanno a vuoto in quanto solo dopo 12 mesi di tentativi infruttuosi è consigliabile fare accertamenti per cercare potenziali cause di infertilità.

Immagini:
universonline.it
nencinisport.it
giadenonline.com
poliambulatoriopegaso.com
ordinemedici.como.it
mutuo-prestito.org

Blogmamma.it ha carattere divulgativo. I punti di vista e le informazioni date non intendono in nessun caso sostituirsi al parere del medico, che invitiamo sempre a consultare in caso di dubbio.

4 Comments on "Concepimento: consigli per avere un figlio"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. luisa scrive:

    mi chiamo luisa io e il mio compagno desideriamo aver un figlio. che consigli mi date’ è da quasi 3 anni che stiamo insieme, proviamo ma nessun risultato: ogni mese aspettiamo con ansia che il ciclo non arrivi, ma quando arriva ci guardiamo in faccia disperati grazie ti aspettiamo

  2. Paola scrive:

    Ciao Elisa…. concordo con Marianna…è bene che tu ti rivolga direttamente all’Asl, loro sicuramente sapranno darti informazioni più dettagliate.

    E comunque…buon viaggio ad entrambe 😉

  3. Marianna scrive:

    Ciao Elisa, dove vai di bello? Anch’io partirò per un viaggio in Kenya e probabilmente dovrò sottopormi ad alcune vaccinazioni.

    In effetti, ho letto che alcuni farmaci hanno delle controindicazioni (tra le altre) anche di questo tipo. Per esempio, per la profilassi anti malarica, le info sono contrastanti (c’è chi consiglia di aspettare 2 mesi prima di restare incinta e chi addirittura 6).

    Io ti consiglio di informarti molto bene presso la ASL in cui hai effettuato le vaccinazioni. Io vado lunedì.

    Ciao

  4. elisa scrive:

    vorrei un’informazione mi sono sottoposta a questi vaccini per un viaggio:anti-epatite a e b,anti-febbre gialla,anti-colera,anti-meningite meningococcica a-c-w-y,anti tifio iniettabile polisacaride,anti difterite tetano,profilassi orale anti malaria.quanto tempo devo attendere prima di poter rimanere incinta?
    grazie

Scrivi un commento