Concepimento: Spermatozoi attratti dall’ovulo con un profumo!

ADV

 

È un profumo a guidare la corsa degli spermatozoi verso l’ovulo rendendo possibile la fecondazione da parte di uno solo di essi, questo emerge  da uno studio dell’Area Ricerca della multinazionale tedesca Schering, che pone come obiettivo, in futuro quello di ottenere innovativi metodi contraccettivi e di cura per l’infertilità di coppia.

La ricerca è stata possibile grazie alla scoperta che è valsa nel 2004 il Premio Nobel per la Medicina a Richard Axel e Linda Buck, per aver descritto i geni che controllano i recettori dell’olfatto e chiarito i meccanismi con cui vengono percepiti gli odori.

Stock e i suoi collaboratori hanno ora osservato che i recettori nel naso e nello sperma sono gli stessi. Mentre quelli del naso ci consentono di apprezzare l’odore del cibo o il profumo di una donna per gli spermatozoi gli odori fungono da guida verso l’ovulo.

La scommessa dei ricercatori è quella di riuscire a inibire tali recettori in modo da poterne fermarne la corsa verso l’ovaio, ottenendo così un nuovo metodo di contraccezione, ma anche nuove possibilità per combattere la sterilità di coppia, ad esempio, in quel 20% di casi in cui non se ne conosce la causa.

Nel testicolo sono presenti circa 50 recettori olfattivi, uno dei quali, il ‘recettore odorizzante hOR17-4′, e’ stato scoperto nelle membrane delle cellule dello sperma umano e si è anche visto che esso si attiva con il profumo di mughetto. Ciò ha fatto ritenere ai ricercatori che l’ovulo femminile guidi lo sperma e lo attiri a sé mediante il rilascio di sostanze di richiamo, in altre parole di profumi.

Conoscendo per ora solo uno dei 50 recettori e una sola sostanza di richiamo nell’ovaio, molto lavoro rimane ancora tutte da fare da parte dei ricercatori, i quali però sono già alla ricerca di centinaia di composti profumati per trovare quelli giusti.

Fonte: italiasalute.it

Scrivi un commento