Da 16 aprile 2010 1 commento Leggi tutto →

Costumi imbottiti per bambine: già ritirati dal mercato (per fortuna)

ADV

Tempo di nuove collezioni di abbigliamento per bambini, per affrontare l’estate. E tempo di nuovi (incredibili) scivoloni e di molte (giuste) polemiche, anche. E’ successo infatti che in Gran Bretagna una catena di abbigliamento cheap abbia messo in vendita dei bikini per bambine. E, fin qui, niente di che.

Peccato che il reggiseno dei costumi per le bimbe (le taglie coprivano la fascia di età 4-7 anni) fosse imbottito. Sì, avete letto bene, un top imbottito proprio come quello che usano le mamme che hanno poco seno. In vendita a 4 € in due varianti, rosa e nera con stelline applicate al reggiseno, i costumi hanno attirato immediatamente l’attenzione dei media.

Quelli della Primark, l’azienda di abbigliamento che ha prodotto e messo in circolazione questo costume, probabilmente gongolavano. Senonché, il loro momento di gloria si è trasformato immediatamente in una disfatta perché, alla notizia di una tale oscenità, le associazioni di genitori e pediatri sono insorte, dichiarando (addirittura) che tali costumi “incoraggiano la pedofilia”. Secondo quanto riportato da AdnKronos si è scomodato anche David Cameron, leader del partito conservatore in campagna elettorale (nonché, a detta di molti, probabile primo ministro), che ha stigmatizzato la “sessualizzazione dei bambini”, sottolineando che le aziende dovrebbero smettere di fare cose simili e “assumersi alcune responsabilità”.

L’azienda, dunque, ha dovuto ritirare i costumi imbottiti dal mercato, profondendosi in scuse e assicurando che gli scarsi proventi dei costumi imbottiti (l’azienda sostiene infatti che cotali costumi fossero stati distribuiti in numero estremamante limitato) saranno devoluti in beneficenza ad associazioni che si occupano di minori.

Dal canto nostro, di mamme di bambine che ogni giorno devono affrontare la tiritera del “ma io mi voglio vestire da principessa”, “mamma dov’è il MIO rossetto di Hello Kitty”, “questa felpa blu è da maschio”, non possiamo che tirare un sospiro di sollievo, che dopo le scarpe per bambine con i tacchi, ci mancava anche il bikini con il reggiseno imbottito.

Non possiamo però non condividere le preoccupazioni di Giuseppe Mele, presidente della Fimp (Federazione italiana medici pediatri), che commenta all’Adnkronos: “Questo atteggiamento, che tende a trasformare i bimbi in adulti in miniatura, è diffuso e pericoloso, si rischia di trasmettere un’immagine del bambino fuori dalla realtà, che non tiene conto della sua unicità e non la rispetta”.

I bimbi sono bimbi, e come tali vanno trattati e rispettati. Ma anche noi mamme, forse, dvremmo farci un esame di coscienza, ogni tanto

Foto: Flickr

1 Comment on "Costumi imbottiti per bambine: già ritirati dal mercato (per fortuna)"

Trackback | Commenti RSS Feed

Scrivi un commento