Da 16 dicembre 2010 0 commenti Leggi tutto →

Depressione post partum: il progetto “Un sorriso per le mamme”

ADV

Le cosiddette malinconie puerperali sono comuni e passeggere, e non vanno confuse con la depressione post-partum, che è invece una condizione fortemente debilitante, che può avere effetti duraturi sia sulla madre che sul bambino. La maggior parte delle mamme soffre di malinconie, che sono normali secondo molti esperti.

Questa delicata fase è di solito chiamata Baby Blues e fra i sintomi, si riconoscono sbalzi d’umore, irritabilità, ansia, confusione, qualche momento di pianto e disturbi dell’appetito, che possono manifestarsi uno o due giorni dopo il parto e durare dai 10 ai 14 giorni. Non si conoscono le cause di queste malinconie, ma si sospetta siano dovute al repentino calo dell’attività ormonale dopo il parto e alla mancanza di sonno. Ecco una ragione in più per cercare di riposare ogni volta che potete e provare alcune tecniche di rilassamento.

Nel 10-20% dei casi, le maliconie puerperali evolvono nella depressione post-partum e di solito si manifesta a partire dalla sesta settimana e raggiunge il picco alla decima settimana dopo la nascita del bambino. I sintomi più comuni della depressione sono difficoltà a concentrarsi e assumere decisioni, estremo affaticamento, sentimenti di impotenza e colpa, pensieri ricorrenti di suicidio e morte, perdite o aumenti di peso significativi alterazioni dell’appetito e del sonno, apprensione eccessiva sulla salute del bambino.

Proprio per essere vicini e sostenere noi donne durante questo periodo particolare della vita, quando ci sembra difficile riuscire a parlare con chi ci sta vicino dei nostri problemi, del sentirsi tristi, delle nostre ansie e/o sensi di colpa, nasce il progetto “Depressione in gravidanza e nel post-partum” promosso da O.N.D.A., Osservatorio Nazionale per la Salute della Donna e promosso attraverso campagna di comunicazione “Un sorriso per le mamme” a cui è dedicato un sito, www.depressionepostpartum.it, che vuole trasmettere a tutte le donne il messaggio che non si è sole e che si può vincere la depressione, anche grazie alla condivisione dei propri stati d’animo.

Ed è per questo che sul sito è presente un forum, dove le neomamme potranno parlare con altre mamme e non sentirsi sole. C’è la sezione Smilebook, dove è possibile caricare foto e video dei propri bambini, ma anche la possibilità di approfondire i temi dell’ansia e della depressione grazie all’area “L’eperto risponde” e alla sezione “Trova Aiuto”.

Immagini:
sanremobuonenotizie.it
bebeblog.it
iltaccoditalia.info

Depressione post partum

Le cosiddette malinconie puerperali sono comuni e passeggere, e non vanno confuse con la depressione post-partum, che è invece una condizione fortemente debilitante, che può avere effetti duraturi sia sulla madre che sul bambino. La maggior parte delle mamme soffre di malinconie, che sono normali secondo molti esperti. Fra i sintomi, si riconoscono sbalzi d’umore, irritabilità, ansia, confusione, qualche momento di pianto e disturbi dell’appetito, che possono manifestarsi uno o due giorni dopo il parto e durare dai 10 ai 14 giorni.

Non si conoscono le cause di queste malinconie, ma si sospetta siano dovute al repentino calo dell’attività ormonale dopo il parto e alla mancanza di sonno. Ecco una ragione in più per cercare di riposare ogni volta che potete e provare alcune tecniche di rilassamento. Nel 10-20% dei casi, le maliconie puerperali evolvono nella depressione post-partum e di solito si manifesta a partire dalla sesta settimana e raggiunge il picco alla decima settimana dopo la nascita del bambino.

I sintomi più comuni della depressione sono difficoltà a concentrarsi e assumere decisioni, estremo affaticamento, sentimenti di impotenza e colpa, pensieri ricorrenti di suicidio e morte, perdite o aumenti di peso significativi alterazioni dell’appetito e del sonno, apprensione eccessiva sulla salute del bambino.

Proprio per essere vicini e sostenere noi donne durante questo periodo particolare della vita, quando ci sembra difficile riuscire a parlare con chi ci sta vicino dei nostri problemi, del sentirsi tristi, delle nostre ansie e/o sensi di colpa, nasce il progetto “Depressione in gravidanza e nel post-partum” promosso da O.N.D.A., Osservatorio Nazionale per la Salute della Donna e promosso attraverso campagna di comunicazione “Un sorriso per le mamme” a cui è dedicato un sito, www.depressionepostpartum.it (http://www.depressionepostpartum.it/main/?page_id=134), che vuole trasmettere a tutte le donne il messaggio che non si è sole e che si può vincere la depressione, anche grazie alla condivisione dei propri stati d’animo.

Ed è per questo che sul sito è presente un forum, (http://www.depressionepostpartum.it/main/?page_id=62) dove le neomamme potranno parlare con altre mamme e non sentirsi sole. C’è la sezione Smilebook, (http://www.depressionepostpartum.it/main/?page_id=144) dove è possibile caricare foto e video dei propri bambini, ma anche la possibilità di approfondire i temi dell’ansia e della depressione grazie all’area “L’eperto risponde” (http://www.depressionepostpartum.it/main/?page_id=138) e alla sezione “Trova Aiuto” (http://www.depressionepostpartum.it/main/?page_id=140).

Immagini:
sanremobuonenotizie.it
bebeblog.it
iltaccoditalia.info

Scrivi un commento