Da 2 settembre 2009 0 commenti Leggi tutto →

Diabete gestazionale: i controlli dopo il parto

ADV

Abbiamo già parlato del diabete gestazionale in gravidanza, malattia tipica dei nove mesi che dovrebbe terminare insieme alla gestazione. Ma in realtà esiste la possibilità che le conseguenze non si esauriscano con il parto.

Dunque è consigliabile che le neomamme, che hanno sofferto di questa patologia durante la gravidanza, si sottopongano a controlli per verificare che il diabete gestazionale non si trasformi in diabete mellito, una forma di diabete più grave, caratterizzata da una cronica intolleranza al glucosio.

I fattori che accrescono tale rischio possono essere: l’appartenenza a particolari ceppi etnici, l’età avanzata, una storia familiare positiva per diabete mellito, l’obesità e l’eccessivo aumento di peso dopo il parto. Altri elementi sfavorevoli, per i quali però non esistono ancora dati certi, sono rappresentati dal fumo di sigaretta, da uno stile di vita sedentario e dall’utilizzo di alcuni farmaci che potrebbero interferire con il metabolismo degli zuccheri.

Il rischio di sviluppare diabete mellito, poi, aumenta sensibilmente nel caso in cui la donna abbia avuto più gravidanze, tutte complicate da diabete gestazionale. Quando si aspetta un figlio, nell’organismo si instaura un grado variabile di insulino-resistenza, un processo che, in persone predisposte, può portare alla disfunzione di una quota di cellule beta del pancreas, deputate alla produzione di insulina. Diversi studi hanno evidenziato che ripetuti “attacchi” a queste cellule portano a una sempre più marcata alterazione della loro capacità produttiva e, di conseguenza, a un sempre più squilibrato bilancio degli zuccheri.

Per quanto riguarda i controlli da effettuare dopo il parto, i protocolli prevedono l’esecuzione, a circa sei mesi dal lieto evento, della cosiddetta curva da carico, un prelievo di sangue prima e dopo l’assunzione orale di 75 grammi di glucosio, da ripetersi in seguito, anno dopo anno, eventualmente con la consulenza dello specialista diabetologo.

Sono controlli importanti e necessari in quanto la diagnosi della malattia deve essere precoce, per poterla trattare per limitare l’insorgenza di complicanze.

Immagine:
falsidautorre.it

Blogmamma.it ha carattere divulgativo. I punti di vista e le informazioni date non intendono in nessun caso sostituirsi al parere del medico, che invitiamo sempre a consultare in caso di dubbio.

Scrivi un commento