Da 27 giugno 2011 1 commento Leggi tutto →

Empatia, la soluzione per tutto

ADV

John Medina, biologo molecolare, ha pubblicato un libro dal titolo Naturalmente intelligenti. Istruzioni per lo sviluppo del cervello dei bambini dalla prima età, (Brain rules for baby. How to raise a smart and happy child from zero to five, nell’edizione originale) uscito in Italia per Bollati Boringhieri. Secondo Medina l’intelligenza dei bambini non si sviluppa con l’ascolto di Mozart o con i giochi educational, ma solo ed esclusivamente con l‘empatia. Tutti gli esseri umani, specialmente i bambini, sono dotati di empatia, che ha sede nei neuroni specchio, ma l’ambiente esterno ne può influenzare enormemente lo sviluppo. I bambini assorbono da chi gli sta intorno serenità e tranquillità, per contro tuttavia assorbono anche le tensioni. E imparano tutto osservando e ripetendo i comportamenti delle persone con cui stanno.

Innanzitutto occorre quindi neutralizzare i nemici numero uno dell’empatia, che spesso generano rabbia e stress nei neo-genitori: la carenza di sonno, l’isolamento sociale, il carico di lavoro sproporzionato, la depressione. Dopodiché si può lavorare sull’empatia, che richiede solo comprensione dell’altro e rende felici.

Interessante è stato per me scoprire che non è mai troppo tardi per iniziare a lavorare sull’empatia. Anche un adulto, infatti, può esercitarsi a entrare nelle stesse emozioni di qualcuno come se fossero vestiti, in quella che Medina definisce “trasposizione“. Basta capire che il mondo non gira intorno a noi e toglierci quindi dal centro del mondo. L’idea è di osservare l’altro per rilevarne un cambiamento, quindi ci si immedesima con la trasposizione immaginativa, infine ci si rende conto che è l’altro a provare il cambiamento, non noi. Un ottimo esercizio – dice Medina –  da fare anche tra partner, perché il rapporto funzioni meglio.

Se provate, raccontateci il risultato.

Fonte: Donna

1 Comment on "Empatia, la soluzione per tutto"

Trackback | Commenti RSS Feed

Scrivi un commento