Da 26 maggio 2016 Articolo con sponsor 0 commenti Leggi tutto →

Fabbri: dal 1905 alle mamme del Mammacheblog

ADV

Fabbri-1905-mammacheblog-fabbriperlemamme

Oggi conosciamo meglio la Fabbri 1905, azienda che ha allietato l’aperitivo del venerdì sera al Mammacheblog. E lo facciamo intervistando Camilla Fabbri.

Fabbri 1905 conta 250 dipendenti, 1.200 prodotti, 17 linee di produzione e 11 sedi in tutto il mondo: una holding familiare che distribuisce in più di 100 nazioni, guidata dalla quarta generazione Fabbri rappresentata da Andrea, Nicola, Paolo e Umberto (ma la quinta generazione ha già fatto il suo ingresso in azienda). L’azienda opera in tre settori. Quello della pasticceria e della gelateria artigianali, con prodotti per tutte le esigenze degli artigiani del dolce. Quello del fuoricasa, con un’offerta rivolta ai professionisti della ristorazione e del bar. E quello del largo consumo, in cui Fabbri è leader indiscusso di mercato con l’Amarena e con gli sciroppi, anche grazie al know-how espresso sui mercati professionali e messo a disposizione dei consumatori finali.

Fabbri 1905 #fabbriperlemamme

1) Come nasce un marchio come Fabbri, dalle radici così italiane e dal successo internazionale?
Dall’intuito imprenditoriale di un uomo. Gennaro Fabbri, il bisnonno di mio padre. Fu lui a fondare, nel 1905, la “Premiata Distilleria G. Fabbri”, rilevando una drogheria di Portomaggiore. E fu sua moglie Rachele, dieci anni dopo, a inventare la ricetta del prodotto che ha reso famosa l’azienda nel mondo: l’Amarena. Le tappe della storia di Fabbri, poi, sono sempre state segnate da inventiva e capacità di innovare. Negli anni Trenta furono lanciati sul mercato gli sciroppi inventabibite. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, invece, i primi prodotti per la gelateria artigiana. Alla fine degli anni Cinquanta la nostra azienda è stata fra le prime a intuire il valore e il potenziale della pubblicità televisiva con Carosello: i primi siparietti di Salomone, il pirata pacioccone, sono del ’57. La passione per il nostro lavoro, ad ogni modo, è stata una costante, un ingrediente nella ricetta del successo che non è mai venuto meno. La si respira in azienda anche oggi, ogni giorno.

Fabbri 1905 #fabbriperlemamme

2) Su quali prodotti punta Fabbri per rivolgersi alle famiglie, con quali elementi di innovazione?
Amarena Fabbri e i nostri sciroppi sono sempre stati i prodotti più amati dai consumatori. L’Amarena, che lo scorso anno ha festeggiato i suoi primi cent’anni, è stata riscoperta recentemente anche come ingrediente di piatti salati, non solo nei dolci o sul gelato: si tratta di un prodotto incredibilmente versatile in cucina, che continua a sorprendere le mamme non solo per le sue numerosissime possibilità di utilizzo. Gli sciroppi, che recentemente hanno ottenuto il bollino “Consigliato dalle mamme”, sono un altro evergreen: non solo in estate per preparare bibite o ghiaccioli, ma in qualsiasi momento dell’anno per aromatizzare yogurt, macedonie di frutta… e molto altro. Recentemente abbiamo lanciato una gamma per la pasticceria home made: “La pasticceria di casa Fabbri”. Una serie di prodotti per riscoprire la gioia di preparare dolci in famiglia, con i propri figli. Sono frutto dell’esperienza Fabbri nei canali professionali della pasticceria e del fuoricasa, messa a disposizione di tutti: la linea include, ad esempio,il nuovissimo ConfetTua, un prodotto che consente di preparare confetture di frutta e di verdura con qualsiasi tipo di dosaggio e di dolcificante, non solo zucchero; la Gelatina in Polvere pronta all’uso, sostituto perfetto della classica colla di pesce, da usare sia a caldo che a freddo; un comodissimo Olio staccante per teglie… solo per citarne alcuni. La gamma ha vinto il Premio “Global Competence in Food” per l’innovazione, alla fiera Anuga di Colonia. Trovo sia un bellissimo esempio di come la nostra azienda abbia saputo portare anche al consumatore finale il risultato di anni di ricerca.

3) Quali aspettative avete dall’incontro tra Fabbri e le mamme blogger?
Non dubitiamo apprezzeranno tanto la qualità quanto la bontà dei nostri prodotti. L’attenzione a ciò che diamo da mangiare ai nostri figli resta altissima. Più che mai nell’era del web, una grande miniera di informazioni in cui, però, è necessario saper distinguere… per orientarsi sotto il bombardamento di numerosissimi messaggi, non sempre veritieri. Ora che sono mamma anch’io me ne rendo conto. Informare in modo trasparente su quanto facciamo è sempre stata una priorità di Fabbri. Sono sicura che le mamme blogger saranno ottime ambassador della genuinità che ogni giorno offriamo ai nostri consumatori.

4) Avete un sito molto curato e ricco di informazioni, quanto punta Fabbri sulla comunicazione online?
Fabbri ha creduto da subito nelle potenzialità del web. Abbiamo sempre lavorato con entusiasmo e con forti investimenti sullo sviluppo e sulla comunicazione digitale. Al nostro sito ufficiale se ne affiancano altri dedicati ad alcuni dei nostri prodotti. Penso soprattutto al sito della nostra Amarena. Sono tantissime, poi, le food blogger che scrivono in azienda ogni giorno: ci propongono nuove ricette preparate con i nostri prodotti, ci chiedono informazioni, ci fanno complimenti… Un bel modo per restare in contatto e condividere idee. E una fonte di motivazione e di nuovo entusiasmo.

Scrivi un commento