Da 19 aprile 2010 2 Commenti Leggi tutto →

Fare la spesa: trucchi per risparmiare tempo e mangiare bene

ADV

Fino a non molto tempo fa, il rito del fare la spesa per me era un vero e proprio supplizio: il sabato pomeriggio, nel grande supermercato un po’ lontano da casa, tra scontri di carrelli, spintoni ed interminabili code alle casse. Il risultato di queste sortite del sabato al supermercato consisteva in un frenetico girare per corridoi, buttando dentro il carrello tutto quello che capitava a tiro e che avesse l’aria di durare il più a lungo possibile.

Negli ultimi tempi, però, ho cambiato radicalmente modo di fare la spesa. Questo cambiamento è stato indubbiamente favorito dal fatto che il sabato pomeriggio abbiamo sempre qualche impegno legato ai bimbi, e che sono rimasta senza macchina, quindi gli spostamenti che implicano necessariamente la macchina si sono notevolmente ridotti. Il tutto, accompagnato da alcune riflessioni e da alcuni incontri fortuiti che mi hanno portato a riflettere sulla qualità del cibo che mangiamo, e che diamo da mangiare ai nostri figli.

E così la spesa del sabato all’iper-mercato è stata abolita. Per la frutta e la verdura ho provato ad appoggiarmi al mercato rionale, ma andare al mercato è un lusso che una mamma-lavoratrice non può permettersi. Così ho ripiegato su una scelta forse un po’ costosa, ma che mi sta dando un sacco di soddisfazioni: mi faccio portare la frutta e la verdura a casa! Il servizio di consegna di frutta e verdura bio viene effettuato da molti piccoli produttori e distributori, al momento io mi appoggio a Bioexpress, e devo dire che sono sempre molto gentili e puntuali.

La cosa che trovo più stimolante è che nelle bioceste vengono consegnate solo frutta e verdura di stagione: sto scoprendo un sacco di ortaggi di cui non sapevo l’esistenza, e mi cimento nella preparazione di piatti che mai mi ero sognata di preparare!

Poi c’è il supermercato sotto casa, dove faccio scorta di frollini, merendine, pasta e beveraggi vari (abbiamo eliminato l’acqua in bottiglia, sostituendola con “la mitica caraffa”), detersivi per il bucato e per la casa, latte  (non posso certo definirmi una purista del biologico!). Tuttavia ho cambiato radicalmente atteggiamento: quando compro qualcosa non mi accontento più di prendere e buttare nel carrello, ma mi soffermo a leggere gli ingredienti, e scarto i cibi che contengono conservanti.

Infine, per i freschi da frigo, per i biscotti, la pasta, il riso e tutti gli altri alimenti vado a fare la spesa nei supermercati e nei negozi che distribuiscono prodotti bio, come NaturaSì, che tuttavia per me è ancora un universo da esplorare: mi rendo conto che, di moltissimi alimenti in vendita in questi negozi, non conoscevo neanche l’esistenza. Ho notato però che hanno introdotto i detersivi ed alcuni alimenti sfusi, cioè venduti senza imballaggio, e la cosa non ha potuto che farmi una buona impressione!

Quello che ho notato, da questa esperienza, è che sebbene i prodotti bio siano più cari di quelli convenzionali, alla fine “rendono” molto di più. Non spendo certo più ore di quelle impiegate in un sabato pomeriggio di supplizi all’iper-mercato, ore che invece uso per stare con i miei bimbi, Inoltre, mi diverto molto di più a fare la spesa e devo (per forza di cose) mettermi a cucinare e sperimentare in cucina, recuperando una dimensione che avevo completamente perso.

E per voi, la spesa è una croce o una delizia? Come fate la spesa, e cosa vorreste cambiare?

Foto: Flickr

Postato in: Gravidanza e Parto

2 Comments on "Fare la spesa: trucchi per risparmiare tempo e mangiare bene"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. lorenza scrive:

    Sì, è vero: anche a me è capitato, per mancanza di tempo, di fare la spesa online. Ho notato però che spesso frutta e verdura erano un po’ scadenti, e i prodotti freschi (latte, yogurt ecc.) arrivavano vicino alla scadenza, quindi ho rinunciato.

  2. Livia scrive:

    Anche io non amo frequentare supermercati, né mercati, specie nei ritagli di tempo o con due bambini al seguito. Noi acquistiamo molto con un gruppo d’acquisto, inviando gli ordini tramite pc agli altri membri del gruppo e andando a ritirare in casa loro. Ma la spesa per quattro non basta mai, e io ho recentemente ceduto al fascino del supermercato on line: tutti i prodotti che acquisto d’abitudine sono già segnati in evidenza nel sito, devo solo inserire il quantitativo, e decidere giorno e orario di consegna. E’ un po’ più costoso, ma decisamente comodo.

Scrivi un commento