Non ci sono post da visualizzare

Febbre alta: impacchi e rimedi naturali

 

La febbre, è risaputo, è un meccanismo di difesa naturale, la risposta fisiologica all’ingresso nel nostro corpo di agenti infettivi di varia natura. A volte qualche linea di febbre può essere la reazione anche ad uno sforzo fisico, una corsa senza sosta nel parco o su e giù sull’altalena,i primi dentini che spuntano, o la permanenza prolungata in un ambiente troppo riscaldato.

Ma qualunque  sia la causa scatenante, un bambino con la febbre, con le  guance rosse e la pelle che scotta è sempre fonte di grande ansia e agitazione per i genitori, ( soprattutto il panico sale, se ha pochi mesi) ,che per questo non esitano a chiamare allarmati il pediatra.

In questi casi, cercando di mantenere la calma,  è fondamentale soprattutto l’osservazione dello stato generale del bambino, che non presenti altri segni preoccupanti, come crisi di pianto, colorito pallido,irrigidimento ,vomito, diarrea o altro.

Necessaria la misurazione ripetuta della temperatura, per un bambino al di sotto dei due anni e preferibile quella rettale, che da maggiore affidabilità di precisione; la misurazione ascellare è indicata per  un bambino più grande.
È necessario, in caso di febbre alta, idratare frequentemente il bambino con acqua, succhi, tisane, invogliandolo a bere spesso a piccoli sorsi, per evitare la disidratazione. Se non ha voglia di mangiare non forzatelo.

E se mostra di avere i brividi copritelo con una coperta leggera, e appena il sintomo scompare, scopritelo, per disperdere il calore. È bene che indossi vestiti leggeri, solo indumenti di cotone, per favorire la traspirazione.

I bambini con la febbre non reagiscono tutti allo stesso modo. Alcuni, a 39°C hanno ancora energie per giocare, altri, a 37°,5 C si lamentano e chiedono coccole. Ad ogni modo si dovrebbero evitare sforzi e quindi stare a riposo per conservare energie necessarie per contrastare una probabile  infezione.

Poiché la febbre è un mezzo  necessario e naturale che l’organismo ha per difendersi non è consigliabile intervenire subito con anti piretici ( farmaci che abbassano la febbre ,diffusissimo  in questi casi l’utilizzo del Paracetamolo), contrastandone impropriamente  il decorso. Ma si può intervenire alleviando il disagio del bambino effettuando  le spugnatura o impacchi:

°  utilizzate acqua tiepida, imbevendo pezzuole che applicherete su braccia, cosce, e sulla fronte, in più passaggi,  ottenendo una sensibile diminuzione della temperatura di mezzo grado. Alcune mamme aggiungono all’acqua che fanno bollire un po’ d’aceto e seguono il procedimento allo stesso modo.

Uguale giovamento apporterebbero garze imbevute di alcol per impacchi su avambracci e polsi.
Se con questi accorgimenti lo stato febbrile perdura senza un sensibile miglioramento nella diminuzione della stessa  e la temperatura tende a salire non esitate a chiamare i pediatra.

immagini:
www.farmaciasaccavino.it
www.loradellapappa.it

Scrivi un commento