Fertilità: congelare gli ovociti, per fermare l’orologio biologico!

ADV

Ancora sembra fantascienza ma sono passati quasi venti anni dalla prima gravidanza da ovociti congelati. Da allora sono nati in Italia circa 200 bambini da ovociti congelati. Ma perché una donna sceglie di congelare i propri ovociti?

A rispondere il dott Andrea Borini, direttore e responsabile clinico e scientifico del centro Tecnobios Procreazione:” Il primo motivo è perché deve sottoporsi a radioterapie o a chemioterapie che la renderanno sterile; il secondo perché sa di avviarsi prima del tempo, per diversi motivi, a un esaurimento ovarico (menopausa precoce) e vuole conservare il proprio potenziale riproduttivo per usarlo successivamente; il terzo motivo quando desidera semplicemente spostare nel tempo la propria maternità, conservando le migliori possibilità di successo“.

Congelare gli ovociti dà alle donne la possibilità di preservare la fertilità e quindi di mandare indietro l’orologio biologico? Secondo Andrea Borini nella nostra specie la fertilità è una finestra che si apre presto nel corso della vita e che altrettanto presto si richiude: “Se questo non bastasse si può anche chiudere in anticipo per molte ragioni note, come malattie e interventi chirurgici, o per ragioni che restano sconosciute”.

Lasciare alla natura il tempo per decidere quando diventare madre o concedersi la possibilità di diventarlo anche quando  non è quasi più possibile? Le motivazioni del dott Andrea Borini  sono sensate  e giustamente motivate, voi che ne pensate?

Scrivi un commento