Da 21 aprile 2009 0 commenti Leggi tutto →

Festa della mamma: la storia

ADV

La Festa della mamma nacque In America, negli Stati Uniti, nel 1907, su proposta di Anna Jarvis, di Philadelphia. Anna era molto attaccata alla madre, e dopo la sua morte si impegnò, spedendo lettere a ministri e membri del congresso, affinché venisse immesso nel calendario un giorno festivo nazionale dedicato a tutte le mamme in segno d’affetto nei confronti della propria madre.

Grazie alla sua forza e decisione, la prima festa della mamma fu festeggiata a Grafton e l’anno dopo a Filadelfia: era il 10 maggio del1908. Nel 1914, la ricorrenza, fu resa ufficiale dal presidente Wilson, che annunciò con una delibera del Congresso di festeggiarla la seconda domenica di maggio, come manifestazione pubblica di amore e riconoscenza per le madri del Paese. La festa si è diffusa in molte parti del mondo, ma viene festeggiata in date diverse mentre l’Italia ha adottato la data americana.

Le origini di questa festa si perdono nei secoli e nei popoli, fino a risalire agli antichi greci ed agli antichi romani, che proprio in questo periodo dell’anno celebravano le divinità legate alla fertilità. E’ nel mese di Maggio, infatti, che il risveglio della natura si fa più evidente e gioioso, con l’esplosione di colori e di profumi, diffusi dalla prima aria calda. Ma è anche il mese in cui fioriscono le rose e da qui l’usanza di regalare rose, i fiori dell’amore, e di festeggiarla proprio nel mese di maggio, il mese dei fiori.

La festa pagana della mamma, venne acquisita anche dalla Chiesa con il diffondersi del cristianesimo e cominciò a celebrarsi la “Madre della Chiesa”, come forza spirituale della vita e protezione dal male. Dunque la rosa è il fiore che più rappresenta la semplicità e la bellezza. E’ il fiore dedicato alla Madonna, così come il mese di maggio. È coerente, dunque, celebrare la mamma in concomitanza con la celebrazione della mamma religiosa.

Questo è’ un giorno in cui ci si sofferma a pensare all’importanza della figura della madre, come generatrice di vita umana aprendo il proprio cuore per esprimere gratitudine verso la propria madre.

Grazie Mamma!

Immagine:
conme.wordpress.com

Scrivi un commento