Feste di compleanno: giochi di prestigio per bambini

ADV

Organizzare una festa di compleanno manda nel panico le mamme se i bambini sono tanti e scatenati, tenerli occupati non è facile e tocca inventarsi  qualche piccola astuzia per coinvolgerli assicurando cosi l’incolumità della casa. La magia ha un fascino ”bambino” e con qualche gioco di prestigio facile e con pochi oggetti possiamo stupirli e divertirli.

Questo gioco è consigliato per bambini di 7 anni e servono solo carta e penna.
Scrivi su un foglio di carta il numero 1089 e lo consegnamo ad un nostro incuriosito spettatore; chiedeteli di scrivere un numero di 3 cifre diverse esempio 421). A questo punto digli di scrivere sotto a questo numero, lo stesso numero rovesciato (ovvero 124) e di sottrarre il numero più piccolo da quello più grande (quindi 421-124) ed infine scrivere il risultato rovesciato e sommarlo al risultato precedente (297+792); sarà sorpreso nel vedere che la risposta è 1089,il numero scritto sul foglio che gli avevi  dato.

L’ indovino: questo gioco è adatto a  bambini di 2 anni: tutti i bambini si siedono in circolo.
Si sceglie un bambino che fa da indovino e lo si invita ad allontanarsi dagli altri giocatori. Un altro bambino farà il capogioco.Il capogioco batte le mani e tutti gli altri giocatori lo imitano.
L l’indovino ritorna fra gli altri bambini, si ferma in mezzo al cerchio e cerca d’indovinare chi è il capogioco. Il capogioco fa ogni genere di movimenti e smorfie e tutti gli altri bambini devono imitarlo il più prontamente possibile.
L’indovino può tentare 3 volte d’indovinare chi è il capogioco. Se indovina, sarà lui a nominare il prossimo capogioco.

Questo infine è adatto ai più grandicelli ai bambini di 10 anni: Date ai vostri spettatori un comune mazzo di carte e ne fate scegliere 32 a caso.
Dopo di ché gli spettatori  riconsegnano  il loro mazzetto di 32 carte e le mescolate bene; poi, posandole ad una ad una sul tavolo, con il dorso verso l’alto, formate 4 mazzetti di 8 carte ciascuno.
Una volta che prendete un mazzetto, chiamate un bambino a scegliere una carta, ditegli di guardarla e restituirvela senza che voi, invece, possiate vederla.
A questo punto: la rimettete nel mazzetto e lo mettete sul tavolino e fate la stessa cosa con altri due mazzetti e altri due bambini.
Ora invitate un altro bambino vicino a voi e ditegli di scombinare le posizioni dei quattro mazzetti. A questo punto mettete i mazzetti l’uno sull’altro, a caso, e poi scoprite tutte le carte sul tavolo, disponendole in file, l’una sotto l’altra.
Chiudete gli occhi, vi concentrate profondamente e poi dite esattamente le carte scelte dagli altri ragazzi.

Il trucco iniziale è quando i bambini vi danno il mazzetto di trentadue carte, nel mescolarle voi ricordate qual è quella che risulta al primo posto. Così, quando poi formate i 4 mazzetti, mettendo le carte sul tavolino ad una ad una, sapete che quella carta sarà l’ultima del primo di questi mazzetti.
Per far scegliere una carta dai tre giocatori, prendete l’uno dopo l’altro gli altri tre mazzetti e, ogni volta che uno di loro vi restituisce la carta che ha scelto, rimettetela sotto il rispettivo mazzetto, cioè come ultima.
A questo punto i mazzetti vengono spostati in modo disordinato sul tavolo e li impilate.
Poi nello scoprire le carte sul tavolo, formate 4 file, nella colonna di 4 carte in cui c’è quella che avete adocchiato all’inizio, le altre 3 sono quelle scelte dagli spettatori, per cui vi basta guardarle per sapere quali sono.
Questo avviene in ogni caso e si spiega in modo semplicissimo, dato che i mazzetti non vengono scombinati, ma solo spostati, in ciascuno l’ultima carta è  quella che avete puntato all’inizio.
Formando la prima fila di 8, l’ultima carta sarà una di quelle, e così per le altre tre file, l’ultima colonna le conterrà tutte e quattro le carte.

Immagini:
nostrofiglio.it

Scrivi un commento