Da 15 gennaio 2013 0 commenti Leggi tutto →

Filastrocche in inglese

ADV

Volete iniziare a dare un’infarinatura di inglese al vostro piccolo? Perchè non partire da uno strumento semplice, intuitivo ed a misura di bimbo come le filastrocche, anzi le Nursery Rhymes!

Non è mai troppo presto per iniziare a parlare in inglese con un bimbo, ne abbiamo già parlato qui su Blogmamma, e, contando che per un neonato l’attività più interessante è sicuramente stare con la mamma/papà, ascoltare la mamma/papà, guardare la mamma/papà, toccare la mamma/papà, avete un grosso vantaggio…

Non sapete da dove iniziare? Non ne sapete neanche una di filastrocca in inglese? Don’t worry! Ce ne sono di tutti i tipi e per tutti i gusti, ne troverete di sicuro una adatta a voi.

Io ad esempio ho iniziato con la conosciutissima “whiskey il ragnetto” che in inglese trovate sotto il nome di “Eencey Weencey spider” oppure “Itsi Bitsy spider”. E’ un classico delle nursery rhymes che ha il grande vantaggio di essere semplice, essenziale, di facile comprensione e soprattutto può essere cantata e mimata facilmente.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=mEsMIZ2C8Z8[/youtube]

 

L’idea del ragnetto che si arrampica su per il braccio e giù per l’altro (o su una gamba, sul pancino, ecc…) sortisce sempre il suo effetto, anche sui piccolissimi.

Un altro classico da non perdere è  “This Old Man” , per imparare a contare, che sicuramente avrete già avuto modo di ascoltare (magari non sapendo esattamente che cosa fosse!).

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=vFZhL92W6TE[/youtube]

Un buon momento può essere il cambio del pannolino, vedrete che si rivelerà un ottimo espediente per far stare fermi due minuti i famosi bambini-anguilla che durante il cambio pannolino si divincolano e sgambettano, felicissimi di essere finalmente un pò nudi!

Poi man mano che il bimbo cresce potete aggiungere gesti, dettagli ed incoraggiarlo a ripeterli e cantare con voi… rimarrete stupiti!

E voi avete delle filastrocche preferite? Quali?

Foto: www.funlinksdaily.com

Scrivi un commento