Da 27 maggio 2010 2 Commenti Leggi tutto →

Flavio Briatore ed Elisabetta Gregoraci smentiscono le dichiarazioni di Diva e donna

ADV

Ragazze cosa leggono i miei occhi oggi!… mi rendo sempre più conto che ogni tanto stare lontana dal gossip e da notiziari vari mi fa proprio bene 😉 Oggi apro le pagine del web e cosa leggo?!! La notizia su corriere.it di Elisabetta Gregoraci che dichiara in un’intervista al settimanale Diva e donna: “Da quando siamo stati costretti ad abbandonare il nostro yacht il piccolo Nathan Falco piange spesso, non è più tranquillo e sereno come prima” parla di quello che definisce un “terribile incubo” vissuto dopo il sequestro da parte della Guardia di finanza dello yacht “Force Blue” sul quale viveva con il figlio di due mesi e il marito Flavio Briatore, ora indagato per contrabbando e frode fiscale.

“Il nostro bambino è quello che ha risentito di più di questa situazione, di questo brusco cambiamento. Da quando siamo usciti dalla clinica di Nizza dove ho partorito, ha vissuto a bordo dello yacht: ora non è più tranquillo e sereno come prima, sente la mancanza della sua cameretta bianca, dei suoi spazi, che lo hanno protetto fin dai primi giorni”, spiega la ex showgirl

Ma a distanza di qualche giorno su il giornale.it Flavio Briatore smentisce: “Elisabetta viene dalla Calabria, suo padre è un uomo che ha sempre lavorato, si figuri se potrebbe mai uscirsene con parole tanto infelici, con parole da una che non sa cosa sia il mondo. La verità è che quella frase Elisabetta non l’ha mai pronunciata e abbiamo già dato mandato ai nostri legali di querelare il settimanale Diva e Donna”. Infatti a detta di Briatore parrebbe che quelle informazioni al settimanale Diva e donna siano state riferite da terze persone … mah!!!

Dopo prosegue anche dicendo: “Elisabetta si è spaventata il giorno del sequestro, questo sì. E c’è da comprenderla, si immagini quello spiegamento di forze, le telecamere, lei che col bambino deve scendere immediatamente dalla barca, lasciare lì tutto. Non c’è stato un minimo di garbo, non le hanno dato il tempo di fare nulla. Ed è vero, Elisabetta ha perso il latte. Il medico aveva previsto che ne avrebbe avuto per circa quattro mesi e invece ora non ne ha più, dopo soli due…”

Mentre Elisabetta Gregoraci dal canto suo ha dichiarato ai microfoni dell’Alfonso Signorini Show “Sono furiosa, mai detto che mio figlio non riesce a vivere senza lo yacht. Hanno insultato la mia intelligenza. Non mi sono mai permessa di dire che mio figlio senza lo yacht non riesce a dormire. Si tratta di accuse gravi e infondate, prenderò provvedimenti a riguardo. E’ ingiusto strumentalizzare così un bambino”.

E intanto l’ironia incalza e come non potrebbe essere il contrario? Tanto che anche Facebook si mobilita. Infatti sono nati i gruppi: “Dona anche tu 1 euro per ricomprare lo yatch a Nathan Falco Briatore” e “Facciamo una colletta per il piccolo Nathan Falco”

E allora anche io mi domando…come si può lasciare un bambino lontano dal suo yacht? Come si può essere così insensibili da sequestrare l’imbarcazione di un uomo in grosse difficoltà finanziarie, con il figlioletto a bordo e costringere la povera creatura a traslocare in quello schifo di Hotel Imperiale di Forte dei Marmi?

Facciamo anche noi di Blogmamma una colletta per la famiglia Briatore … sono sicura ce ne saranno grati ;D

Immagini:
blog.panorama.it
corriere.it
pilloledalmondo.it

Tags:

2 Comments on "Flavio Briatore ed Elisabetta Gregoraci smentiscono le dichiarazioni di Diva e donna"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Antonella scrive:

    Vado controcorrente, ma penso che un bimbo di due mesi sradicato dal suo ambiente sia comunque un bimbo di due mesi sradicato dal suo ambiente, che sia uno yacht o una palafitta.
    Non sarà che il sarcasmo che ha seguito questa vicenda cela “una puntina” d’invidia? (esamino di coscienza…)
    Mammanto

    • Paola scrive:

      … non penso si tratti di invidia… e che a volte bisogna pensare a quel che si dice prima di farlo… soprattutto se nella società ricopri una “posizione privilegiata” rispetto a molte altre…

Scrivi un commento