Fumo e adolescenti: che fare?

ADV

Fumo-adolescenti

Le sigarette continuano ad essere sempre diffuse tra i ragazzi, ma come può un genitore affrontare il tema fumo e adolescenti?

Ed oggi con la diffusione delle sigarette elettroniche come deve comportarsi?

Proprio lo scorso luglio si è tenuto a Losanna il primo incontro del Gruppo di Studio ERS (European Respiratory Society) per redigere le prime Linee Guida europee sull’utilizzo della sigarettaelettronica anche in età adolescenziale.

Alcuni dati

Fumo e adolescenti sono ancora un binomio imprescindibile.

Gli adolescenti che iniziano a fumare la prima sigaretta lo fanno sempre più presto. Perché gli adolescenti diventano “grandi” sempre più in fretta.

Secondo un’indagine DOXA del 2014, il 13,2% dei ragazzi fuma la prima sigaretta prima dei 15 anni e la percentuale sale al 44% in quelli tra i 15 e i 17 anni.

Nel 2014, la sigaretta elettronica è stata utilizzata da una percentuale rilevante di ragazzi tra i 15 e i 24 anni pari al 14% dei casi.

I problemi sono ulteriormente aggravati dal fatto che la nicotina è una sostanza che dà una forte dipendenza e che prima se ne comincia il consumo più aumenta l’effetto di dipendenza.

Spesso se si comincia a fumare da molto giovani si resta incastrati nel vizio con maggiore facilità.

L’esperto

Siamo perfettamente d’accordo con quanto affermato proprio in quell’occasione dalla Prof.ssa Susanna EspositoPresidente WAidid, Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici e Direttore dell’Unità di Pediatria ad Alta Intensità di Cura Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, dell’Università degli Studi di Milano. 

Oggi i genitori degli adolescenti hanno un compito ben più arduo rispetto a trent’anni fa: c’è più libertà, i pericoli sono moltiplicati ma il controllo deve essere costante senza essere invadenti.

Che fare?

Il tema fumo e adolescenti è controverso. Opporsi con fermezza può essere controproducente ma anche assistere impassibili una volta che si viene a sapere che il proprio figlio sta fumando non è altrettanto condivisibile.

Crediamo che come sempre la soluzione stia nel dialogo e nella fiducia.

Quindi si al controllo ma accompagnato da comportamenti propositivi!

E se fumate è ora di smettere! Per dare un concreto esempio e migliorare la vostra salute.

 

 

Articoli consigliati

Scrivi un commento