Da 23 settembre 2009 4 Commenti Leggi tutto →

Ginnastica in gravidanza: Acquagym sicura col pancione

ADV

Fare ginnastica in acqua divertendosi. E’ questo, sostanzialmente, il concetto base dell’acquagym, la disciplina che si avvale di tutti gli effetti positivi dell’acqua, dichiarata innocua e sicura per la gravidanza e che da qualche anno viene proposta in molti corsi di preparazione al parto. Infatti recenti studi hanno dimostrato che l’attività in acqua contribuisce notevolmente al benessere psicofisico delle future mamme e non ha alcun effetto collaterale negativo né sulla gravidanza né sul nascituro.

L’acqua, grazie all’assenza di gravità, permette di eseguire esercizi che a terra affaticherebbero subito, costituendo così un ambiente ideale a questo scopo e anziché a modellare, rassodare, potenziare si punta, per la futura mamma, a lavorare su quelle parti del corpo maggiormente sollecitate durante i nove mesi come la colonna vertebrale, il bacino, i muscoli del perineo e a prevenire i dolori tipici della gravidanza.

L’attività in acqua si può iniziare già dopo il terzo mese di gestazione e se la gravidanza non presenta problemi, può essere proseguita tranquillamente fino al momento del parto. Anzi, verso il termine dei nove mesi, quando l’utero è ormai molto voluminoso e aumenta la difficoltà di respirazione, i benefici che la futura mamma avvertirà sono ancora maggiori. Infatti la libertà di movimenti possibile in acqua dà alla donna molta fiducia, che le sarà di grande aiuto nell’affrontare il parto.

Dunque vediamo insieme quali sono i vantaggi che l’acquagym ha sulla futura mamma:
– la pressione dell’acqua sulla pelle stimola la circolazione sanguigna, contrastando i gonfiori degli arti inferiori e favorisce una maggiore ossigenazione di utero e placenta;
la temperatura dell’acqua migliora l’elasticità dei muscoli e la flessibilità delle articolazioni, mentre l’assenza di gravità consente movimenti che a terra risulterebbero impossibili;
la colonna vertebrale può allungarsi e alleggerirsi, prevenendo dolori tipici della gravidanza quali lombalgie e sciatalgie;
– l’attività acquatica rafforza inoltre l’apparato cardio-circolatorio e migliora la respirazione;
– l’acqua calda stimola la produzione di endorfine, gli ormoni del benessere, mentre fa diminuire le catecolamine, come adrenalina e cortisolo, che sono portatrici di stress;
– i gesti forzatamente lenti e i suoni ovattati invitano alla calma, alla distensione, al rilassamento;
– non manca l’aspetto ludico infatti le future mamme vengono invitate a lasciarsi andare e con l’utilizzo di cerchi si simula il momento del parto; lasciandosi galleggiare ci si immedesima nel feto, immaginando le sue sensazioni. In questo modo, si approfondisce e si consolida anche la relazione tra le gestanti, con cui si condividono le emozioni che la gravidanza comporta.

Ma dopo il parto?

Trascorso un mese e mezzo o due dal parto, una volta che il collo dell’utero si è richiuso, e dopo la visita ginecologica, l’acquagym può essere ripresa senza problemi. Si comincerà con esercizi dolci, poi a poco a poco si arriverà a una ginnastica sostenuta e sempre più simile all’acquagym vera e propria. Si lavorerà ancora molto su bacino e perineo, mentre una parte importante degli esercizi mirerà a correggere eventuali posture scorrette assunte dalla donna durante l’allattamento e a potenziare gli arti superiori. Anche in questa fase è molto importante la parte del gioco e delle condivisione con le altre mamme che si rivela un aiuto fondamentale per recuperare energia e serenità contrastando magari la depressione post partum.

Dunque una ginnastica dolce, perfetta per preparare corpo e mente al momento del parto e del post parto. Voi cosa ne pensate?

Immagini:
pianetamamma.it
aquatica2004.it
aziendasanitaria.go.it
infoservice-net.it
mipaonline.com

4 Comments on "Ginnastica in gravidanza: Acquagym sicura col pancione"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Silvia scrive:

    Mi scuso per gli errori ma cn il mio nuovo tel nn riesco a scrivere bene

  2. Silvia scrive:

    Faccio acquagym dall’inizio della gravidanza ieri ho fatto lezione all’. Aperto sul solarium l’acqua era un’po’freddina ho avuto paura che poteva succedere qlch e nn mi sono rilassata anI 10′ prima sono andata via avevo freddo .temevo per la bimba .secondo voi mi devo preoccupate

  3. Anna scrive:

    Ringraziando il cielo non ho avuto alcun problema di nausea o vomito o dolori particolari se non sporadici, fin dall’inizio della mia prima gravidanza. Ora sono al quarto mese e vado in piscina già dal primo mese senza alcuna controindicazione. Nuoto maggiormente sul dorso e faccio esercizi di rilassamento. Mi sento male se non vado almeno un paio di volte alla settimana e spero di proseguire cosi fino al termine dei nove mesi!
    Anna

  4. Stellina scrive:

    Praticare acquagym esercizi aerobici e stretching è di fondamentale importanza prima e durante la gravidanza a partire dal terzo mese in poi, per l’elasticità dei muscoli, per la circolazione del sangue e per restare in forma ovviamente!!!
    Buon divertimento!
    Chiara

Scrivi un commento