Giochi per l’estate: i Nerf che piacciono a padri e figli

ADV

nerf

Quando il tempo è bello i giochi si trasferiscono all’aperto: nascondino, corse in bicicletta e giochi con la palla sono dei grandi classici. Ultimamente, però, anche  altre attività si stanno diffondendo tra bambini e ragazzi. Avete mai sentito parlare dei Nerf? Io ho un maschietto e la prima volta che ha provato questo gioco è stato a casa di amici più di un anno fa. Ovviamente li ha chiesti come regalo e sono stati successivamente dei graditissimi regali di compleanno per tanti altri amichetti.

Cosa sono i Nerf? Sono l’evoluzione delle pistole per i bambini: delle armi  in plastica, chiamati blaster, che sparano proiettili di schiuma gommosa, assolutamente innocui.  I proiettili in gommapiuma non sono pericolosi e non fanno danni: giocare con i  Nerf  quindi possibile sia all’aperto che in casa. C’è chi lo fa persino in ufficio!!

Se volete regalarne uno a un bimbo che non sa cosa siano, iniziate magari con Strikefire, che ha ben due corpetti cattura proiettili (verde e arancione), due paia di occhiali, le pistole a12 dardi, per giocare in due o addirittura in squadra.  E’ il modello che noi abbiamo donato a nostro figlio per la promozione. Sono molti altri generi di blaster che potrete vedere nel sito www.nerf.it, ce ne sono per tutti i gusti e per tutte le battaglie!

La grande novità per il 2012, ad esempio,  si chiama Jolt, il blaster più piccolo in assoluto, ma anche il più potente. Ideale per ingaggiare con amici, parenti e compagni di classe delle indimenticabili scorribande e battaglie all’ultimo dardo. È maneggevole e perfetto da portare sempre con sé, per non essere mai presi alla sprovvista 😉

Volete rendere diversa la vacanza o vi siete stancate delle partite alla Wii con tutta la famiglia? Coinvolgetevi con i vostri bimbi e giocate anche voi con i nerf… vedrete che divertimento, soprattutto per quei bimbi poco cresciuti che sono  i papà! E se volete avere un’idea di quanto ci si diverta, provate a dare un’occhiata a YouTube!

Scrivi un commento