Giornata internazionale della medicina omeopatica: il 10 aprile visite gratuite

ADV

Giornata internazionale medicina omeopaticaGiovedì 10 aprile 2014 si celebra la Giornata Internazionale della Medicina Omeopatica.

Sono tantissimi i medici che aderiscono a questa importante iniziativa di prevenzione. Sul sito GiornataOmeopatia.it è disponibile l’elenco delle strutture suddiviso per regione e provincia.

E’ possibile fissare un appuntamento chiamando il numero verde gratuito 800.385014 oppure compilando il form sul sito.

La Giornata Internazionale della Medicina Omeopatica istituita nel 2003, ha lo scopo principale di informare e far conoscere le caratteristiche e i benefici della scelta di curarsi con l’omeopatia. Un’alternativa che supporta la medicina tradizionale e può essere utilizzata per curare tutti. Adulti, bambini e persino i nostri amati amici animali.

La Giornata Internazionale della medicina omeopatica

La Liga Medicorum Homeopatica Internationalis (LMHI) il più antico ed autorevole organismo mondiale nel campo dell’omeopatia è tra i promotori dell’iniziativa che negli anni sta riscuotendo sempre maggior successo, perchè sempre più persone scelgono di curarsi con questo tipo di medicina.

La medicina omeopatica mette al centro l’essere umano studiando soluzioni terapeutiche efficaci e prive di controindicazioni, in armonia con la natura e che agiscono a supporto delle funzioni fisiologiche di difesa dell’organismo. In questo modo si aiuta la guarigione e il benessere di ciascuno.
Secondo l’omeopatia infatti ogni malattia può essere curata sfruttando le stesse sostanze in grado, a dosaggi differenti, di scatenare sintomi simili. Punta a stimolare la reazione di ciascun paziente sulla base del proprio organismo.

La medicina omeopatica rappresenta un modo completamente diverso di vedere la malattia poiché essa stessa è vista, non come un nemico ma come un tentativo dell’organismo di risolverla.

La medicina omeopatica: una scienza antica

Samuel Hahnemann è considerato il padre dell’omeopatia moderna. Nel lontano 1796 questo medico e chimico tedesco cercando di curare la malaria con il chinino, si accorse che, diluendo la sostanza, poteva curare la malattia senza i pesanti effetti collaterali provocati dal chinino stesso.

Da quel giorno egli sperimentò questo metodo di cura che si basa sull’uso di rimedi molto diluiti somministrati in granuli, globuli o soluzioni alcoliche.

Il trattamento omeopatico si basa sulla scelta di un rimedio che corrisponde ai sintomi presentati dal paziente.

 

 

Scrivi un commento