Da 7 ottobre 2009 1 commento Leggi tutto →

Gravidanza a rischio: cause, controlli e prevenzione

ADV

Determinati fattori o complicanze rendono la gravidanza un rischio sia per la madre sia per il feto che può addirittura nascere morto o morire nel primo mese di vita. Il parto sarà quasi sempre prematuro e il neonato potrà presentare anomalie di peso.

In caso di diagnosi di gravidanza a rischio i controlli vanno, ovviamente, incrementati e quindi oltre alle visite ostetriche, che dovranno essere più frequenti, si ricorrerà al monitoraggio fetale con la cardiotocografia e l’ecografia. Nei casi più gravi potrà esserci l’indicazione ad un’interruzione artificiale della gravidanza con un taglio cesareo o con l’induzione del parto.

I fattori che caratterizzano una gravidanza a rischio sono:
età della futura mamma, se troppo giovane o troppo avanti con l’età;
– peso eccessivo;
– numero elevato di gravidanze precedenti;
eventuali malattie insorte prima o durante la gravidanza come il diabete o l’ipertensione;
– gravidanza multipla o gemellare;
– anomalie del feto;
– uso di farmaci pericolosi per curare malattie già esistenti;
anomalie nelle ovaie o nell’utero;
– Rh sanguigno;
– malattie cardiovascolari;
– alcolismo;
– eccesso o tipo di lavoro fisico svolto dalla futura mamma;
– fumo.

Ma tra tutti i tipi di gravidanza a rischio è necessario porre maggiore attenzione alla gravidanza in donne cardiopatiche. Durante la gravidanza il cuore deve pompare nei vasi sanguigni una maggiore quantità di sangue, a una frequenza più elevata e per questo motivo se la futura mamma è affetta da cardiopatia, queste fisiologiche modificazioni circolatorie imporrebbero un super-lavoro ad un cuore già danneggiato. Dunque è necessaria un’attenta sorveglianza medica e, da parte della futura mamma, una limitazione dell’attività fisica e un maggior riposo che, nei casi più gravi, potrebbe diventare degenza assoluta a letto.

Naturalmente è possibile evitare una buona parte dei fattori di rischio tramite un’attenta prevenzione infatti, prima di decidere di avere un bimbo basterà effettuare degli esami per verificare la possibile presenza di malattie ereditarie o anomalie cromosomiche e tenere sotto controllo patologie come diabete o ipertensione. Mentre durante la gravidanza sarà necessario effettuare tutti i controlli necessari e consigliati dal proprio ginecologo, bere poco caffè, evitare fumo ed alcool, seguire una dieta bilanciata ed evitare sforzi.

Insomma identificare precocemente una gravidanza a rischio è importantissimo in quanto permette di intervenire tempestivamente, tranquillizzare la futura mamma e offrire al medico indicazioni precise per programmare eventuali interventi da attuare durante la gravidanza e al momento del parto.

Immagini:
images.com by Design Pics


Blogmamma.it ha carattere divulgativo. I punti di vista e le informazioni date non intendono in nessun caso sostituirsi al parere del medico, che invitiamo sempre a consultare in caso di dubbio.

1 Comment on "Gravidanza a rischio: cause, controlli e prevenzione"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. gravidanza scrive:

    interessante articolo, risolve molti dubbi e perplessità, occorre sperare che la gravidanza sia serena.

Scrivi un commento