100 menu a misura di bambino dall'antipasto a dolce scritti dalle mamme blogger: scarica l'e-book!
Ecco cosa può ​accadere​ durante un pomeriggio trascorso a preparare cake pops di biscotti insieme a 2 bambine.

Gravidanza: acidità e gonfiore addominale, come alleviare i fastidi!

Durante i nove mesi dell’attesa  molto spesso le future mamme convivono con qualche fastidioso ed a volte inevitabile disturbo!

La gravidanza porta cambiamenti importanti nel nostro corpo, uno degli organi messo a dura prova è l’apparato digerente, frequenti durante la gestazione disturbi come gonfiore, pesantezza e tensione addominale sono fisiologici nelle donne incinte,  una donna incinta su tre lamenta questi fastidi,in aggiunta al senso di nausea nel primo trimestre e la sensazione di acido in bocca, frequente soprattutto negli ultimi tre mesi, responsabile di questi disturbi il progesterone e l’aumento di volume dell’utero.

L’ inpennata del progesterone provoca il rilassamento di una piccola valvola in fondo all’esofago che chiudendosi con difficoltà  può causare la risalita dei succhi gastrici.
Per mitigare i fastidi  ecco qualche consiglio, e semplici regole alimentari da adottare nella dieta quotidiana:

-meglio piccole porzioni e pasti leggeri senza intingoli e condimenti ricchi di grassi, che necessitano di una digestione lunga e laboriosa ed eliminate i cibi acidi, o che aumentano l’acidità come pomodori e salsa di pomodori, spezie, agrumi, tè e caffè, menta e cioccolato, vino e alcolici. Per contrastare l’acidità il nostro organismo sviluppa una reazione  fisiologica aumentando la produzione di saliva, che contiene un’elevata percentuale di bicarbonato e contrasta l’acidità dovuta alla risalita dei succhi gastrici.

-Se solitamente riposate dopo pranzo via libera alla pennichella ma non subito dopo mangiato perché può favorire la risalita dei succhi gastrici. Una pausa di un’ora tra la fine del pasto e il vostro riposo sarebbe ideale. Se non fa molto caldo una breve passeggiata subito dopo il pasto non potrebbe che giovarvi.

-Quando vi sdraiate posizionate il cuscino  permettendo alla testa  una posizione più alta di almeno 20 centimetri.

-Non utilizzare vestiti attillati sul punto vita che potrebbe causare una compressione sullo stomaco e favorire disturbi e dolori, nessuno  sforzo a fine pasto approfittate della disponbilità di vostro marito che premuroso si offerto …anche di sparecchiare  dopo aver preparato volenteroso e pieno di iniziativa il pranzo!!!

Immagini:
lagravidanzablogspot.com
tuttomamma.com

Scrivi un commento