Gravidanza: guidare con il pancione, norme di sicurezza

ADV

Molte le donne che in gravidanza anche negli ultimi mesi conducono la vita di sempre continuano a lavorare, si occupano a tempo pieno di casa e famiglia senza rinunciare ad indipendenza ed autonomia, e continuano senza problemi a guidare. Le guidatrici con il pancione sono tantissime e molte si chiedono perplesse se indossando la cintura di sicurezza durante la guida possono  procurare problemi o fastidi al bambino?

La cintura per molti purtroppo rappresenta un noioso accessorio, ma non è un luogo comune che sicuramente aiuta a salvare la vita. Anche in gravidanza l’uso è obbligatorio e non crea nessun problema al feto.
Unica differenza va indossata in modo diverso rispetto alla modalità standard!

Ecco alcune indicazioni per l’utilizzare correttamente la cintura di sicurezza in gravidanza:

– Farla passare sotto la pancia, dunque sull’anca. Se viene posta sulla pancia (come si fa abitualmente) può davvero provocare danni al bambino, in caso di brusche  frenate o di impatto.

– Fate passare la parte superiore diagonale della cintura fra il seno e quindi sopra l’addome;
– Evitate di viaggiare allacciando la cintura troppo lenta perché, nell’eventualità di un incidente, si scivolerebbe in basso e provocando un strappo verso l’alto, della parte di cintura che passa sotto l’addome.

Queste sono regole essenziali e vanno sempre rispettate poiché l’utilizzo del solo airbag senza cintura non salva la vita e può davvero rappresentare un rischio: in caso di incidente l’impatto che si subisce è violento e può diventare  un grande pericolo per la futura mamma ed il bambino!

Immagini:
unamamma.com
guidaconsumatore.it

Scrivi un commento