Gravidanza: meno rischi di spina bifida con l’inositolo!

ADV

La spina bifida, è una malformazione neonatale che colpisce il sistema nervoso del nascituro, acquisita durante la gravidanza, purtroppo si stima un caso ogni 1.500 nati. Per  la prevenzione di  questa grave malformazione viene raccomandato l’acido folico ancor prima di intraprendere la gravidanza integrandolo nella dieta se si decide di concepire di un figlio. L’acido folico assunto nella dose raccomandata riduce il rischio di circa il 70 per cento.

Grazie a ricerche condotte in Inghilterra  si evidenzia un altro integratore importante: l’uso  dell’inositolo può rendere ancora più basso il rischio di spina bifida. Che cos’è l’inositolo ? E’ una molecola simile al glucosio che si trova nella carne, nella frutta e nella verdura.

Secondo gli esperti, se i risultati della ricerca verranno confermati, l’inositolo potrà essere prescritto dai medici, in abbinamento all’acido folico, con una conseguente riduzione del rischio di spina bifida. Non è difficile assumere l’inositolo nella dieta poiché si trova nei cereali integrali, nella crusca, nel germe di grano, nel lievito di birra, nelle noci, nella frutta, in  modo particolare negli agrumi e nei meloni, nella carne e soprattutto nel fegato.

Anche in Italia sono stati condotti degli studi a riguardo: i ricercatori italiani del Servizio di Genetica di Cremona, l’Ospedale Niguarda di Milano e l’Istituto Gaslini di Genova hanno ribadito che:«L’assunzione corretta di acido folico nel periodo preconcezionale e nelle prime 4 settimane di gravidanza consente una riduzione del rischio di difetti del tubo neurale o spina bifida sino al 70%.

E’ stata effettuata  inoltre una sperimentazione dove sono state coinvolte 30 donne che avevano avuto una precedente gravidanza con difetti di spina bifida nonostante avessero assunto l’acido folico. In vista di una seconda gravidanza queste pazienti hanno assunto acido folico e inositolo nel periodo preconcezionale e fino ad ora tutte le gravidanza si sono concluse senza malformazione.

Scrivi un commento