Gravidanza protratta oltre il termine

ADV

iGravidanza-protratta-oltre termine

La gravidanza protratta oltre il termine indica che il parto non avviene nonostante sia passata la 40 settimana, ossia che sia stato oltrepassato il 275 giorno dal concepimento.

Generalmente i medici concordano nello stabilire e ammettere un ritardo, a seconda dei casi tra i 294 e i 300 giorni, sottoponendo la futura mamma a controlli periodici che consentano di verificare la presenza di sufficiente liquido amniotico per la sopravvivenza e il corretto sviluppo del bambino.

Gravidanza protratta: le cause

  1. Familiarità:  chi ha avuto casi in famiglia di parti oltre il termine (mamma, sorella, nonna, ecc) ha maggiori probabilità che si verifichi anche nel suo caso.
  2. Cicli mestruali irregolari: generalmente si calcola la data del concepimento fissandola 14 giorni dopo l’inizio dell’ultima mestruazione, le donne che hanno un ciclo irregolare non sempre riescono a stabilirla con esattezza e hanno una maggiore frequenza per essere soggette a parti protratti. Le ricerche hanno dimostrato che le donne che hanno cicli mestruali più lunghi rispetto ai 28 giorni di media partoriscono di solito più tardi rispetto a chi invece ha flussi ravvicinati
  3. Farmaci antinfiammatori non steroidei: i farmaci come l’aspirina, possono ritardare la data del parto, inibendo la produzione delle prostaglandine, sostanze che favoriscono la comparsa delle contrazioni dell’utero.

Gravidanza protratta: gli esami

A partire dalla 39ª settimana la futura mamma viene sottoposta ad alcuni controlli che accertano che la gravidanza stia procedendo per il meglio. Questi esami vengono ripetuti con cadenza diversa a seconda delle condizioni del donna e del bambino.

  • Il tracciato: è un esame che registra il battito cardiaco del bambino e le contrazioni dell’utero. Si esegue appoggiando sulla pancia della mamma un sensore collegato a un computer. Generalmente viene ripetuto ogni 48 ore tra la 40 e la 41  settimana e ogni 24 ore tra la 41 e la 42.
  • La flussimetria doppler: si tratta di una particolare ecografia che esamina il cordone ombelicale e la placenta per verificare che il piccolo, attraverso il flusso del sangue della mamma respiri e sia nutrito correttamente. A partire dalla 39ª settimana si esegue ogni tre giorni.
  • L’ecografia: permette di osservare e la placenta e le condizioni del liquido amniotico che non deve diminuire, altrimenti il bambino non ha nutrimento e quindi diventa obbligatorio farlo nascere.

Gravidanza protratta: quando indurre il travaglio

Se dopo tutti i controlli alla fine della 41 settimana il bambino ancora non nasce, generalmente il parto viene indotto, tramite l’introduzione nella vagina di un gel a base di prostaglandine o tramite la somministrazione con la flebo di ossitocina. Il cesareo viene utilizzato se i precedenti metodi falliscono o se dai controlli emerge che il bambino sta soffrendo e si sta mettondo a rischio la sua vita.

Per saperne di più sulla gravidanza protratta leggete il nostro Speciale.

 

Articoli consigliati

Scrivi un commento